FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

14/4/2009

"Case, assicurazione obbligatoria"

Sisma, Brunetta:serve reponsabilizzarsi

Nel consueto appuntamento del martedž su Tgcom, il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta, intervistato da Paolo Liguori, ha ribadito la necessitŗ dell'obbligo di assicurazioni per le case, alla luce di quanto successo in Abruzzo. "Si responsabilizzerebbero di piý sia i proprietari che gli enti locali, i quali, pagando parte del premio assicurativo, avrebbero piý interesse a controllare che gli edifici siano costruiti a norma", ha detto.

Nel decimo appuntamento della rubrica "Brunetta 2.0", l'attenzione non poteva non essere puntata ancora sul terremoto. "Di controlli ne sono stati fatti indubbiamente pochi, ognuno deve prendersi le sue responsabilitŗ -ha detto il ministro- ma se tutti gli edifici fossero stati assicurati forse non si sarebbe arrivati a questo punto, l'assicurazione sullo stabile Ť un segno di responsabilitŗ e trasparenza".

"Adesso bisogna trovare i fondi per ricostruire, e bisogna far partecipare la gente", ha sottolineato il ministro, il quale auspica che non vengano fatti gli errori del passato. "Non diamo la ricostruzione in mano solo a urbanisti e 'menti illuminate', non facciamo come quanto successo con Gibellina, dove dopo il sisma Ť stata creata una cittadina lontana dalle esigenze della gente", ha concluso Brunetta.

Nel resto dell'intervista il ministro ha presentato il suo libro "La rivoluzione in corso", ha risposto alle domande di un paio di lettori ed Ť tornato a parlare del ruolo delle donne nelle Pubblica Amministrazione dopo le polemiche delle ultime settimane.



LA VIDEOINTERVISTA INTEGRALE A BRUNETTA

TUTTE LE VIDEOINTERVISTE AL MINISTRO

CLICCA QUI PER FARE UNA DOMANDA A BRUNETTA

IL BLOG DEL MINISTRO

Che ne pensi su quanto detto da Brunetta? Di' la tua scrivendo qui sotto

Invia un commento


COMMENTI

22/08/09

Paolo

Dovevamo aspettarci provvedimenti di questo tipo.