FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

20/5/2008

Gay Pride, Carfagna nega patrocinio

Associazioni attaccano il ministro

Il ministro per le Pari opportunit Mara Carfagna ha annunciato che non dar il patrocinio al Gay Pride. Dal centrosinistra e dalla comunit gay piovono critiche, ma non solo il mancato sostegno alla manifestazione a far infuriare associazioni ed esponenti politici dell'opposizione. Il ministro infatti ha affermato che gli omosessuali in Italia non sono discriminati, portando come testimonianza quello che le riferiscono i suoi amici gay.

Insorge Arcigay, la pi grande associazione italiana di tutela dei diritti delle persone lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender): ''Saremmo tanto curiosi di sapere quali sono i gay che la Carfagna dice di conoscere e in quale mondo ella vive - attacca il presidente Aurelio Mancuso - perch ci pare che abbia una percezione della realt del tutto distorta. Le persone lgbt in carne e ossa soffrono e lottano molto pi delle persone etero per portare avanti il loro amore e a volte sono costrette e nascondere il loro orientamento sessuale, in famiglia, a scuola, al lavoro''.

Pesante l'attacco di Franco Grillini, socialista e leader storico del movimento, per il quale quelle del ministro ''sono solo battutacce da bar, che confermano quanto la destra italiana sia omofoba e non ami la diversita'''. E se le critiche pi feroci giungono dalla comunit gay e dalla sinistra, anche il ministro-ombra delle Pari opportunit, la democratica Vittoria Franco, invita Mara Carfagna a rivedere le sue posizioni e partecipare al Pride.

Interviene anche Barbara Pollastrini, che nel precedente governo occupava il posto di Mara Carfagna, e che definisce ''miope e ingannevole''. Particolarmente feroce Vladimir Luxuria, ex parlamentare del Prc, secondo cui un ministero delle Pari opportunit con a capo Mara Carfagna ''non intende assolvere al compito di dare e garantire pari opportunita''' ed  quindi ''un ministero inutile''.
E' l'unica voce alla quale il ministro, con una nota, risponde: ''Il signor Vladimiro Guadagno confonde il Ministero per le Pari opportunit con l'ufficio stampa e propaganda del movimento lgbt''.

Invia un commento


COMMENTI

08/06/08 00:00:00

Roger

Bravissima Ministro Carfagna!!! Questi signori, con le loro carnevalate, alla fine mirano ad ottenere esclusivamente "privilegi" e "soldi": coi patrocini, a circoli e associazioni ecc. Cosa ben diversa dai "diritti" che ci sono gi e sono anche quelli di tutti i cittadini italiani. Ma siccome in questo paese fare le vittime sempre e comunque paga, i gay mirano ad ottenere una condizione privilegiata. All'Italia non serve la dittatura di un'altra minoranza... ce ne sono gi abbastanza!!!