FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

8/3/2010

Otto marzo, il perché di una festa

Tante iniziative e non solo mimose

L’8 marzo è la data in cui si celebra in tutto il mondo la giornata della donna. Un'occasione per riflettere sul ruolo femminile nella società contemporanea, ma anche per un incontro con le amiche. Non solo mimose, quindi, ma anche iniziative di intrattenimento e di cultura.

In occasione della Giornata della donna, abbiamo scelto due iniziative da segnalare per la loro valenza simbolica: la prima viene dal Ministero per i Beni e le Attività culturali propone l'ingresso gratuito a tutte le donne per tre giorni, fino a lunedì 8 marzo in musei e aree archeologiche. L'elenco dei siti è disponibile nelle pagine Web del Ministero. La seconda ha una valenza ecologica ed è una particolare esperienza di carpooling in rosa, per far viaggiare le donne in totale sicurezza. L'iniziativa è di postoinauto.it, attivo su tutto il territorio nazionale, grazie al quale si possono condividere viaggi in auto verso qualsiasi destinazione in Italia, basandosi sulla condivisione dei posti nella propria auto. Chi ha dei posti liberi li mette a disposizione degli altri utenti, che contribuiscono alle spese di viaggio. In questo modo l'autista risparmia sulle spese del viaggio, i passeggeri sui mezzi di trasporto, tutti viaggiano in compagnia e contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO2 e alla diminuzione del traffico sulle strade.
  
Innanzi tutto, perché è stato scelto proprio l'otto marzo per celebrare la donna? La festa è stata istituita nel secolo scorso e la scelta è caduta su questa data  per celebrarla ha una serie di possibili spiegazioni, tutte legate comunque ad eventi in cui la centralità della figura femminile è stata messa in forte rilievo. Di solito si collega l'otto marzo con gli eventi che ebbero luogo nel 1908: in quell’anno, all’inizio di marzo, le operaie dell'industria tessile "Cotton" di New York scioperarono per protestare contro le condizioni disumane in cui erano costrette a lavorare.

Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario della fabbrica bloccò tutte le porte dello stabilimento per impedire alle donne di uscire. Nello stabilimento scoppiò però un incendio e le 129 lavoratrici imprigionate all'interno morirono nel rogo.  Questa data venne in seguito proposta come giornata di lotta internazionale a favore delle donne da Rosa Luxemburg, teorica della rivoluzione marxista che fondò il partito socialista polacco e il partito comunista tedesco, proprio in ricordo della tragedia newyorkese.

Secondo un'altra versione la scelta dell'8 marzo risalirebbe a tempi ancora più lontani, per la precisione all’8 marzo 1848, quando le lavoratrici dell'industria dell'abbigliamento di New York proclamarono uno sciopero al quale presero parte trentamila donne, la più imponente manifestazione femminile che si fosse mai avuta negli Stati Uniti. Le scioperanti reclamavano il rispetto dei loro diritti politici e sociali e chiedevano in particolare il diritto al voto, la riduzione dell'orario di lavoro da 12 a 8 ore al giorno, l’istituzione di un giorno di riposo. Secondo una terza ipotesi, la festa ricorda una manifestazione avvenuta a San Pietroburgo il 23 febbraio 1917 (data che corrisponde al nostro 8 marzo), durante la quale le donne russe sfilarono per le vie della città protestando contro la fame e chiedendo il ritorno a casa dalle trincee di figli e mariti.

Al di là delle ragioni storiche, l'istituzione della festa in questa data risale alla Conferenza Internazionale delle Donne Socialiste, nel 1910, in cui si decise di istituire, su proposta della socialdemocratica tedesca Klara Zetkin, la "Giornata Internazionale della Donna", fissandone la data all'8 marzo di ogni anno: spirito e scopo di quella giornata era, ed è tuttora, ottenere per le donne una parità di trattamento rispetto agli uomini. In particolare, le socialiste chiedevano allora l'estensione del voto politico alle donne in ogni Paese.  In Italia si cominciò a celebrare la festa della donna prima dello scoppio della prima guerra mondiale. La tradizione si interruppe durante gli anni del fascismo e riprese durante la lotta di liberazione come giornata di mobilitazione femminile contro la guerra, l'occupazione tedesca e per le rivendicazioni di diritti delle donne. Nacquero così i gruppi di difesa della donna collegati al Comitato di Liberazione Nazionale, da cui nacque in seguito  l'Udi (Unione Donne Italiane). Nel 1946 l'Udi preparò il primo 8 marzo nell'Italia libera, proponendo di farne una giornata per il riconoscimento dei diritti sociali e politici delle donne, e scelse la mimosa come simbolo della giornata. 


 


Ultimo aggiornamento ore 13:35


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark