FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Moda uomo: il nuovo stile Armani

Basta t.shirt: è l'ora di camicia e panciotto

- L'uomo Armani cambia volto: abbandona la t-shirt per indossare la camicia bianca, la giacca aderente con le maniche a raglan e il panciotto. E i pantaloni?  Sono affusolati e un po' corti, a lasciare la caviglia scoperta. Giorgio Armani apre insomma un nuovo sorprendente capitolo della storia del suo stile che da oltre 30 anni si impone nel mondo.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    In primo piano la camicia bianca, anzi candida, perfettamente stirata e indossata senza cravatta, a sostituire la maglietta che lo stesso re Giorgio ha indossato per molto tempo. E poi la giacca, non più destrutturata come quella indossata nel 1980 da Richard Gere in American Gigolò. "Era l'epoca - spiega Armani - in cui bisognava liberarsi dalle armature dell'abito maschile classico"; ora, a anni di distanza e a rivoluzione conclusa, tutto è più aderente senza perdere comfort, anche grazie ai nuovi materiali. L'abito torna a essere stretto, perché dona di più.

    La svolta è segnata della manica raglan, chiamata così, come spiega lo stesso Armani, dal nome del generale inglese che a metà Ottocento ha inventato un nuovo stile di spalla per stare comodo nella giacca che indossava per nascondere una sua mutilazione. Il raglan è un taglio usato soprattutto nelle maglie e nei maglioni: parte come un raggio dal collo e arrotonda la spalla. I blazer Armani da tempo inseguono l'idea del cardigan e stavolta lo sposano in pieno.

    Le giacche in passerella puntano soprattutto sulla tonalità del grigio, sono in tessuto, in maglia, perfino in morbido montone rovesciato, hanno spalle sensuali e arrotondate, sono strette sul petto e corte sui fianchi dei pantaloni. Questi, a loro volta, sono aderenti e lasciano scoperta la caviglia. E sotto la giacca torna il panciotto, ma non la cravatta, per non richiamare lo stile da manager di un tempo. Proprio al panciotto (piuttosto importante, anche con otto bottoni) è affidato il compito di "rendere tutt'uno l'abito maschile" spiega Armani, e aggiunge: "Sì è una grande evoluzione di stile. E volete sapere che cosa mi ricorda? Quello dei vecchi signori di campagna, rivisti con la classe e i modi di oggi. E la camicia bianca mi fa pensare a quella perfetta e immacolata stirata dalla mamma o dalla sorella".

    TAG:
    Giorgio Armani
    Milano Moda Uomo
    Moda
    Fashio week