FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Guerra sul nome Lilibet, Harry e Meghan si rivolgono agli avvocati

Tutto ruota attorno a una questione: la sovrana sapeva o no?

L’ennesima guerra legale tra Harry e Meghan e la stampa inglese. Dopo la scelta dei duchi di Sussex di dare come nome alla loro secondogenita Lilibet Diana, si è scatenato un putiferio. La Bbc sostiene che la coppia non abbia chiesto il consenso alla Regina Elisabetta. Un portavoce di Harry è convinto del contrario e afferma che prima dell’annuncio ufficiale ha chiamato la nonna. Fatto sta che il fratello di William e la Markle ora si sono rivolti agli avvocati. 

 

Il duca di Sussex, secondo la ricostruzione del suo portavoce, avrebbe parlato al telefono con la Regina Elisabetta. E durante la conversazione avrebbero discusso proprio del nome della bambina. Se la sovrana non fosse stata d’accordo non avrebbe permesso al nipote di usare quel nomignolo per la figlia.

Fatto sta che il rapporto della coppia con i tabloid inglesi non è mai stato sereno. Di recente la Markle ha vinto una battaglia legale per la privacy violata. Ora un’altra questione li vede coinvolti contro la stampa. La ricostruzione fatta dalla Bbc non corrisponderebbe alla verità, così Harry e Meghan avrebbero allertato il loro studio legale.

Harry e Meghan genitori bis, gli auguri del fratello William e di Kate

 

Ti potrebbe interessare:

 


 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali