TGCOM

Gossip

Tutte le ultim'ora

14/7/2008

Miss Universo è Dayana Mendoza

Lo scorso anno fu rapita in Venezuela

La 22enne venezuelana Dayana Mendoza è stata eletta Miss Universo nella stazione balneare vietnamita di Nha Trang e succede così alla giapponese Riyo Mori. Occhi verdi, sorriso ammaliante, fisico da urlo, Dayana ha sbaragliato al concorrenza di 80 bellissime di tutto il mondo. Con la conquista della corona, la ragazza si getta alle spalle una brutta storia: un anno e mezzo fa, infatti, fu rapita nel suo Paese.

Eletta la più bella del Venezuela nel 2007, la Mendoza era stata già data per favorita nelle prime fasi della kermesse presentata da Jerry Springer e dall'ex Spice Girl Mel B. Alla finalissima, cui ha preso parte anche Claudia Ferraris,bergamasca di 19 anni eletta Miss Universe Italia il 31 maggio a Riccione, ha avuto al meglio su tutte le bellissime in gara, succedendo così alla giapponese Riyo Mori, Miss Universo 2007.

A farla trionfare sulle altre ragazze è stato non soltanto il suo fisico, ma anche la sua originalità: Dayana si è infatti presentata alla manifestazione di Nha Trang col costume tradizionale del suo Paese. Per lei un premio speciale: un consistente assegno e un appartamento di lusso a New York per un anno.

La Mendoza volerà infatti negli Usa dove diventerà portavoce ufficiale della campagna per la lotta contro l'Aids. Per la miss l'impegno sociale è centrale: dopo l'elezione, infatti, la Mendoza ha richiamato l'attenzione sulla situazione complicata del Venezuela, dove poco tempo fa è stata rapita: "Il mio sequestro si é verificato un anno e mezzo fa - ha detto - queste sono le cose che succedono nel mio Paese, anche a persone che non hanno soldi. Vorrei quindi cogliere l'occasione per dire che la violenza non è mai una risposta''.

La più bella dell'universo ha anche detto la sua sulla differenza tra uomini e donne: "Gli uomini pensano che il percorso più rapido da un punto all'altro sia la linea retta. Le donne invece sanno che il modo più rapido per arrivare al traguardo é saper destreggiarsi".