FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Purina
Contenuto sponsorizzato

“Benvenuto a casa”: un’adozione che cambia due vite

Il progetto di Purina ed Enpa, lanciato nel 2019, ha consentito a decine e decine di cani e gatti di trovare una nuova casa e tanto amore

Quello dell’abbandono degli animali è un fenomeno che nemmeno le campagne mediatiche degli ultimi anni e l’impegno di tanti testimonial sono riusciti a frenare: ogni anno vengono abbandonati più di 160.000 pet, con picchi soprattutto durante la stagione estiva. E se molti non riescono a sopravvivere, molti altri finiscono nei canili, o vengono accolti nei rifugi, dove attendono con speranza una nuova famiglia che accolga e che li ami. Anche grazie a Purina che, attraverso collaborazioni e partnership, cerca di aiutare il maggior numero possibile di animali a trovare una casa. Ad esempio con la una piattaforma per la ricerca e l’adozione di cani e gatti, ma anche sensibilizzando la cittadinanza sui temi dell’abbandono e dell’adozione e donando pasti gratuiti ai rifugi Enpa. E con l’ambizioso obiettivo di sostenere, entro il 2023, associazioni e programmi di adozione nei 10 mercati europei più importanti.

Proprio il progetto “Benvenuto a casa”, lanciato in collaborazione con l’Ente nazionale protezione animali poco meno di un anno fa, alla fine di settembre 2019, è uno dei più importanti impegni di Purina per quanto riguarda la promozione delle adozioni di animali da compagnia ospitati in canili, gattili e rifugi dell’Enpa, e nel corso dei mesi in cui è stato operativo ha consentito, nonostante le difficoltà imposte dal lockdown e dall’emergenza sanitaria per il coronavirus, di trovare casa a decine di cani e di gatti. Dando così a tanti pet lover la possibilità di adottare, in modo responsabile e consapevole, un nuovo amico, cambiando con un semplice gesto due vite: la propria e quella del pet adottato.

 

“In Purina – sottolinea Rafael Lopez, Regional Director Italia e Sud Europa di Purina, illustrando le caratteristiche dell’impegno sociale del gruppo – crediamo fortemente che gli animali domestici abbiano un'influenza positiva sulle persone che ne hanno cura e sulla società nel suo complesso. Nonostante siano tanti i pet circondati d’affetto e attenzioni, purtroppo ancora oggi ci sono troppi cani e gatti che cercano una famiglia: in Italia parliamo di migliaia tra cani e gatti in cerca di una casa. È stata questa la ragione per cui uno dei nostri impegni è volto alla sensibilizzazione della società su questa tematica così importante”.

 

E così Purina, da leader del mercato petcare, ha utilizzato la propria voce e la propria posizione per amplificare gli appelli e i messaggi per promuovere i progetti di adozione realizzati assieme a partner quali l’Enpa, una delle realtà più conosciute e apprezzate per gli interventi a favore degli animali: l’Ente nazionale protezione animali, secondo l’ultimo bilancio sociale, si occupa infatti di 10.800 cani, 12.700 gatti e altri 11mila animali (tra specie esotiche, volatili, fauna selvatica e altri), a livello territoriale, con le sue 240 sezioni e delegazioni, accudisce 3.300 cani e 24.600 gatti e nell’ultimo anno sociale ha effettuato 12.500 soccorsi di animali incidentati, 12.000 catture di animali vaganti, 6.700 interventi chirurgici, 14.800 sterilizzazioni e 13.300 identificazioni.

 

Non a caso, sottolinea Marco Bravi, Responsabile Comunicazione e Sviluppo Iniziative di Enpa, “il nostro volontariato è spinto da una grande passione e siamo convinti del fatto che la vita, insieme agli animali, si arricchisce”. Una visione che “condividiamo con Purina, e per questo siamo felici di collaborare con questa azienda, ormai da tempo. Grazie a queste campagne di sensibilizzazione siamo convinti che non solo riusciremo a trovare una casa ai pet che ospitiamo, ma che riusciremo anche a diffondere un messaggio di maggiore apertura della società nei confronti degli animali da compagnia in generale”.