FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stati Generali, lʼAnfia chiede il piano per rilanciare lʼauto italiana

Far ripartire lʼindustria e il mercato dellʼauto significa anche tutelare lʼambiente e salvaguardare le Casse dellʼerario

Anfia Stati Generali

La filiera dellʼautomotive è troppo importante nel sistema Paese italiano per non pensare a un piano industriale che lo rilanci. È il succo dellʼintervento di Paolo Scudieri, Presidente Anfia, agli Stati Generali in corso a Villa Pamphili. Per il numero uno dellʼassociazione che riunisce le aziende nazionali del settore auto serve la terza fascia dʼincentivi per rilanciare il mercato.

I numeri parlano da soli: in Italia operano 5.529 imprese nel settore motoristico, dando lavoro a 274.000 addetti (diretti e indiretti), più del 7% degli occupati nel manifatturiero italiano. Il comparto fattura 105,9 miliardi di Euro e vale l’11% dellʼintero fatturato della manifattura nel nostro Paese, il 6,2% del PIL. Ne beneficiano famiglie e aziende e anche lʼErario, che dalla motorizzazione incassa 76,3 miliardi di Euro di gettito fiscale. Impossibile non sostenere un settore così e allora, secondo Scudieri, va colta lʼoccasione per superare lʼemergenza sanitaria con incentivi che determinino un circuito virtuoso su tutta lʼeconomia.

 

Oltre allʼecobonus per gli anni 2020 e 2021, già reiterati dal governo, lʼAnfia “chiede l’istituzione di un premio temporaneo per autovetture e veicoli commerciali in stock presso i concessionari e i produttori, accumulati sui piazzali durante il lockdown, con contestuale rottamazione di un veicolo di pari categoria da Euro 0 a Euro 4”. È in pratica la terza fascia dʼincentivi per quelle auto finora escluse, cioè con emissioni da 61 a 95 g/km di CO2, mentre lʼecobonus premia oggi soltanto le auto elettriche (BEV) e ibride ricaricabili (PHEV), con emissioni da 0 a 20 g/km e da 21 a 60 g/km.

 

Allargare la platea dei beneficiari degli incentivi (perché elettriche e plug-in costano!) avrebbe impatti favorevoli sia dal punto di vista economico che ambientali. Le auto nuove con emissioni di CO2 fino a 95 g/km e motori termici convenzionali sono comunque Euro 6 (temp o final). “Misure analoghe andrebbero varate anche per il rinnovo del parco veicoli commerciali ‒ prosegue il presidente Anfia e numero uno di Adler Pelzer Groupcon agevolazioni all’acquisto per quei veicoli fino a 12 tonnellate di massa totale a terra, favorendo le alimentazioni alternative e l’eventuale contestuale rottamazione di un vecchio veicolo”.

 

Anfia Stati Generali

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali