FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid-19, da Lazio e Veneto stop al pagamento del bollo auto

Slitta al 30 giugno, con la sola eccezione delle Marche che dilata i tempi fino al 31 luglio

Bollo Auto, stop in 9 regioni

Anche il Veneto e il Lazio si aggiungono alle 7 altre regioni che hanno sospeso il pagamento del bollo auto, se in scadenza nei mesi di marzo, aprile e maggio. Il pagamento della tassa automobilistica potrà essere effettuato entro il 30 giugno, senza alcun interesse né sanzione.

Ad aprire la strada a questa misura, conseguente al dilagare dellʼepidemia da coronavirus, erano state Piemonte e Emilia-Romagna, subito seguite da Lombardia e Campania. A seguire sono poi state la Toscana, lʼUmbria e le Marche, questʼultima unica regione ad aver esteso la possibilità di pagare il bollo entro il 31 luglio. La sospensione dei pagamenti nasce come logica conseguenza delle misure atte a favorire i consumatori in questo momento difficile, evitando il rischio di una “morosità di massa” e di una coda infinita di sanzioni, more e vertenze legali in caso di mancati pagamenti. Era però stato escluso dal “Cura Italia” varato dal governo Conte, poiché tocca alle regioni occuparsene, visto che la tassa automobilistica è appannaggio di queste.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali