FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Svolta storica in Mississippi: via dalla bandiera i simboli confederati

Il nuovo disegno verrà sviluppato da una commissione e quindi sottoposto al voto degli elettori


Svolta storica in Mississippi: il governatore repubblicano Tate Reeves ha firmato la legge che cancella i simboli confederati dalla bandiera dello Stato. Era l'unico vessillo negli Usa in cui figuravano gli emblemi di un passato considerato razzista e legato all'oppressione dell'epoca della schiavitù. "Questo è un nuovo giorno per il Mississippi", hanno esultato i promotori della legge.

"Questo - ha sottolineato Reeves al momento della firma della legge - non è un momento politico per me, ma un'occasione solenne per condurre la nostra famiglia del Mississippi a riunirsi per riconciliarsi e andare avanti". L'iniziativa segue crescenti proteste antirazziste nate dopo la morte di George Floyd.

 

La bandiera, adottata per la prima volta nel 1894, ha strisce rosse, bianche e blu con l'emblema di battaglia della Confederazione in un angolo. Una commissione svilupperà ora un nuovo disegno della bandiera senza l'emblema confederato, simbolo del Sud schiavista. Gli elettori del Mississippi voteranno quindi sul nuovo disegno a novembre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali