FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strasburgo, lʼEurocamera approva la riforma sul copyright | Tajani: "Stop al Far West digitale"

Le nuove norme Ue sul diritto dʼautore, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove regole sul diritto d'autore. Il via libera dall'aula di Strasburgo all'accordo provvisorio sul rispetto del diritto d'autore in Internet è passato con 348 sì, 274 no e 36 astenuti. Le norme, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web. Per il presidente del Pe, Antonio Tajani, "la direttiva pone fine al Far West digitale".

Si conclude così il processo legislativo, iniziato nel 2016, per il Parlamento europeo. Spetterà ora agli Stati membri, nelle prossime settimane, dare l'ultimo ok formale.

Applicazione online dei diritti d'autore - La direttiva intende garantire che diritti e obblighi del diritto d'autore di lunga data, validi nel mondo offline, si applichino ora anche online. YouTube, Facebook e Google News sono alcune delle piattaforme online che saranno più interessate dalla nuova legislazione. Queste ultime diventano ora direttamente responsabili dei contenuti caricati sui loro siti.

Titolari di diritti possono negoziare accordi migliori - La riforma mira infatti ad aumentare le possibilità dei titolari dei diritti, in particolare musicisti, artisti, creativi ed editori, di negoziare accordi migliori sulla remunerazione derivata dall'utilizzo delle loro opere diffuse sulle piattaforme web. Gli editori di stampa acquisiscono inoltre il diritto di negoziare accordi (che restano facoltativi) sui contenuti editoriali utilizzati dagli aggregatori di notizie.

Copyright, la riforma approvata in Europarlamento

Non cambia nulla per gli utenti - Numerose disposizioni sono poi specificamente concepite per garantire che Internet rimanga uno spazio aperto di libertà di espressione. Per gli utenti di Internet, però, tutto resta come prima: non ci sono tasse sui link e gli snippet brevi - ossia le corte frasi di presentazione di un articolo che compaiono per esempio nei feed di notizie di Google o sulle bacheche Facebook - restano fuori dalla tutela dei diritti d'autore. Il caricamento di opere protette per citazioni, critiche, recensioni, caricature, parodie o post che è poi stato protetto ancor più di prima, garantendo specificatamente che meme e Gif continuino a essere disponibili e condivisibili sulle piattaforme online.

Tajani: "Il Parlamento Ue difende i posti di lavoro" - "La direttiva sul copyright è stata approvata. L'Europarlamento difende la creatività e i posti di lavoro europei". Così su Twitter il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, dopo che l'emiciclo ha approvato la nuova regolamentazione sul diritto d'autore. Per Tajani, inoltre, la direttiva mette fine "all'attuale far-west digitale" stabilendo regole moderne al passo con lo sviluppo delle tecnologie, proteggendo gli autori senza imporre alcun filtro all'upload dei contenuti e prevedendo deroghe chiare per tutelare start-up, micro e piccole imprese.

"Più libertà di stampa e meno fake news" - "Garantire ai giornalisti un equo compenso per il loro lavoro era una priorità del Parlamento - ha proseguito Tajani -. Con questa riforma assicuriamo una vera libertà di stampa e contrastiamo il fenomeno sempre più diffuso delle fake news, salvaguardando l'indipendenza e la qualità dei media, essenziali per una robusta democrazia".

Levi (Aie): "Grande giornata per la cultura e l'Europa" - Grande soddisfazione anche da parte del presidente dell'Associazione Italiana editori, Ricardo Franco Levi: "Una bella pagina e una grande giornata per la cultura e l'Europa", ha affermato.

Riforma sul copyright, il voto dellʼEuroparlamento

Perrone (Enpa): "Grande vittoria per la stampa in Italia" - "Una grande vittoria per la stampa in Italia". E' il commento del presidente degli editori di giornali europei dell'Enpa, Carlo Perrone. "Questo è un voto storico per l'anima e la cultura dell'Europa", ha sottolineato, precisando che la riforma del copyright "sarà essenziale per il futuro degli editori di stampa e il giornalismo professionista" dove "gli utenti del web si vedono ora garantito un Internet democratico e pluralista".

Wikipedia torna in chiaro: "Esito segnato" - Wikipedia torna in chiaro dopo l'oscuramento messo in atto alla vigilia del voto sulla riforma del copyright, approvata dall'Europarlamento. "Nonostante tutti i nostri sforzi e le proteste della comunità di Wikipedia, di tantissime associazioni e di milioni di cittadini europei, la direttiva copyright è passata così come proposta. Grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato a cercare di ribaltare un risultato che era segnato", spiega una nota di Wikimedia, la Fondazione a cui Wikipedia fa capo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali