FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa 2016: Trump vola ancora, la Clinton tiene ma è Sanders la sorpresa

Nel "super mini Tuesday" il tycoon e la ex first lady vincono in Mississpi. Trump si aggiudica anche il Michigan, dove invece non ce la fa la Clinton superata da Sanders, e le Hawaii

Usa 2016: Trump vola ancora, la Clinton tiene ma è Sanders la sorpresa

Hillary Clinton e Donald Trump vincono le primarie, rispettivamente democratiche e repubblicane, in Mississippi. Trump ha trionfato anche in Michigan e Hawaii. In Michigan la ex first lady è stata battuta, per una manciata di voti, da Bernie Sanders. Ted Cruz si porta a casa invece l'Idaho, vincendo i caucus repubblicani.

La vittoria di Sanders in Michigan vera sopresa del "mini super Tuesday" - Il test era in Michigan. E se Donald Trump l'ha superato aggiudicandoselo insieme con il Mississippi e le Hawaii nel "mini super Tuesday" delle primarie Usa e vincendo così un'altra battaglia nella guerra dichiarata dall'establishment del partito repubblicano, la vera sorpresa è il risultato del candidato democratico Bernie Sanders che resta in corsa fino all'ultimo voto, conquistando il Michigan, dopo uno spoglio al cardiopalma e che sconfessa tutte le previsioni di un'altra vittoria per Hillary Clinton.

Una corsa serrata, "too close to call" fino alla fine: è soltanto quando il conteggio dei voti è quasi ultimato che si può dichiarare il vincitore. E' il senatore liberal del Vermont, che si assesta al 50% mentre mentre la ex segretario di Stato resta indietro anche se di poco, al 48%.

Hillary resta in vantaggio in termini di delegati - In termini di delegati Hillary è ancora in una botte di ferro, mantiene un vantaggio più che comodo, ma il risultato di martedì notte ha un significato importante, perché spinge Sanders a continuare la sua corsa, a proseguire nel pungolare la frontrunner facendogli dire che vincere quando aveva tutti i sondaggi contro è la dimostrazione che il suo messaggio di "rivoluzione politica" risuona ancora forte e chiaro in una campagna che si conferma sorprendente.

La tripletta di Donald Trump - E' tripletta invece per Donald Trump che prevale anche in Mississippi e Hawaii oltre al Michigan e, a suo modo, tira un sospiro di sollievo. Ad oggi infatti il "fenomeno" non sembra scalfito da quella guerra dichiarata dall'establishment repubblicano contro il miliardario di New York e Trump corre ancora veloce.

Naturalmente il tycoon non si lascia sfuggire l'occasione per sottolinearlo quando è ormai certo di aver messo a segno la sua 14esima vittoria: "Non credo di aver mai sentito così tante cose orribili dette su di me in una settimana. Sono stato attaccato ferocemente ma tutti quelli che mi hanno attaccato sono scomparsi". E rilancia: "Io posso essere più presidenziale di chiunque. Ma ho visto che la gente è stufa del politicamente corretto".

Ted Cruz vince in Idaho, Rubio resta a mani vuote - C'è uno schema che però riemerge per il fronte Gop nel "mini super Tuesday" con la vittoria dei caucus in Idaho da parte di Ted Cruz. Non un granché in termini di delegati, ma è la conferma che nelle assemblee popolari la campagna del senatore del Texas funziona e gli dà modo di insistere a proporsi come l'unica possibile alternativa a Trump, tanto più che ancora una volta Marco Rubio non vince nulla.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali