FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Si sblocca la crisi in Sudan: firmato lʼaccordo tra la giunta militare e i civili

Lʼok dopo una notte di negoziati. I generali: "Momento storico"

Si sblocca la crisi in Sudan: firmato l'accordo tra la giunta militare e i civili

La giunta militare e la coalizione di forze della società civile del Sudan hanno firmato un accordo di condivisione del potere al termine di negoziati durati tutta la notte per porre fine alla crisi nel Paese. Lo riporta la Bbc. Un'intesa fra le parti era stata raggiunta il 5 luglio. E' un "momento storico" per il Paese, ha commentato Mohamed Hamdan Dagalo, il generale numero due della giunta.

Per ora è stata firmata la cosiddetta 'dichiarazione politica', ovvero uno dei due documenti che costituiscono l'accordo. L'altro è la 'dichiarazione costituzionale', che dovrebbe essere firmata entro qualche giorno.

L'accordo rappresenta un passo chiave verso la transizione del Paese dopo mesi di proteste di piazza che hanno spinto i militari a destituire lo scorso aprile l'autocrate Omar al-Bashir. All'inizio del mese le parti avevano concordato di formare un "consiglio sovrano" che governerà il Paese per tre anni e tre mesi e che sarà composto da 5 militari e 5 civili. Il compromesso prevede una 11esima poltrona che andrà a un civile con un background militare.

Precedenti negoziati erano falliti quando il 3 giugno le forze di sicurezza avevano sgomberato - uccidendo 130 persone, anche se le autorità ammettono 61 morti - il sit-in davanti al quartier generale delle forze armate nella capitale Khartum.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali