FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ancora scontri nella Striscia di Gaza, un morto e centinaia di feriti tra i manifestanti

Migliaia i palestinesi radunatisi al confine nel terzo venerdì di protesta consecutivo: alcuni hanno incendiato le bandiere israeliane

Torna alta la tensione al confine tra la Striscia di Gaza e Israele, dove oltre 900 manifestanti palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con l'esercito israeliano, dopo essere stati colpiti dai proiettili e intossicati dai gas. Lo ha detto il portavoce del ministero della Sanità della Striscia. I dimostranti hanno lanciato ordigni e bombe incendiarie contro i soldati e hanno bruciato bandiere israeliane.

Ancora scontri nella Striscia di Gaza, centinaia i feriti

Tra le persone rimaste coinvolte negli scontri figurano anche alcuni giornalisti e membri dello staff medico. Sono migliaia le persone radunatesi alla barriera in quello che è il terzo venerdì di scontri consecutivo.

"Non lasciatevi ingannare dalla cortina fumogena e dai civili. Le cosiddette dimostrazioni non sono null'altro che un altro tentativo di Hamas di terrorizzare Israele", ha detto il portavoce dell'esercito israeliano Jonathan Conricus, affermando che le proteste sono "appoggiate dall'Iran".

Vicino a Khan Yunis, nel sud del Paese, i manifestanti hanno bruciato le immagini del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, che considerano "amico di Israele".

La data ufficiale della fine delle proteste è stata fissata per il 15 maggio, che per i palestinesi corrisponde al giorno della "Nakba" ("catastrofe"), per commemorare gli oltre 700mila fuggiti o espulsi durante la guerra del 1948 che ha sancito la creazione dello Stato Ebraico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali