FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Polemica in Usa: elettore democratico definisce Trump “ritardato” e la candidata Kamala Harris ride

La senatrice dem in corsa per le presidenziali del 2020, prova a difendersi dalle critiche: “Non avevo sentito la frase nella sua interezza”

Kamala Harris, Baraq Obama

La senatrice Kamala Harris, candidata alle primarie del partito democratico in vista delle presidenziali del 2020, è stata fortemente criticata per un episodio avvenuto durante un comizio della sua campagna elettorale. Uno dei suoi sostenitori ha definito il presidente Donald Trump “mentalmente ritardato” e la Harris, prima di rispondere, ha riso dicendo “ben detto”.

La polemica Il sostenitore ha fatto un intervento abbastanza lungo, nel quale faceva riferimento ai provvedimenti intrapresi da Donald Trump per poi concludere chiedendo: “Che cosa farà l'anno prossimo per porre rimedio alle azioni da ritardato mentale di quest'uomo?”. La Harris, prima di rispondere “Le dico solo che ho intenzione di vincere le elezioni del 2020”, ha riso e dato l'impressione di approvare le parole dell'uomo. Dopo la fine dell'evento una ragazza ha twittato un video che documentava l'episodio, scrivendo che “parole di questo tipo fanno male al cuore”. Il messaggio è stato condiviso e commentato, è nata una forte polemica contro la candidata che ha sempre messo tra le sue priorità le pari opportunità e la tutela delle persone diversamente abili.

Le spiegazioni della Harris In risposta alle critiche, in un'intervista alla CBS News, la Harris ha chiarito che la parola “ritardato è un termine molto offensivo” e ha ribadito il suo sostegno alle necessità della comunità delle persone diversamente abili. “Mi piacerebbe che nel 2019 le persone fossero più consapevoli di quanto offensivo può essere questo termine, ma anche della storia che si cela dietro ad esso, ovvero l'abitudine ad ignorare i bisogni, la realtà e le capacità della nostra comunità di diversamente abili”.
A coloro che si sono chiesti per quale motivo la candidata abbia perso l'occasione di condannare pubblicamente questo linguaggio, la Harris ha risposto di non aver sentito la frase nella sua interezza, avendo prestato attenzione solo alla prima parte del discorso: “L'ho sentito parlare solo di altre questioni e non ho sentito ciò che ha detto dopo, né lo posso giustificare”.