FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Mistero nel Golfo dellʼOman, a fuoco altre due petroliere | Usa non escludono risposta militare

Il duplice incidente avviene a un mese esatto da un episodio simile: il 12 maggio nella stessa area altre quattro petroliere andarono a fuoco in mare

Cresce la tensione nel Golfo dell'Oman, dove due petroliere sono state attaccate. Gli equipaggi sono stati poi soccorsi dalla Marina di Teheran e la Quinta Flotta Usa con stanza in Bahrein ha detto di aver ricevuto due diverse richieste di soccorso. Le due navi cargo si sarebbero incendiate dopo due attacchi: una delle due sarebbe stata colpita da un siluro. Evacuati i 44 marinai a bordo. L'episodio assume contorni inquietanti soprattutto perché esattamente un mese fa, il 12 maggio, avvenne qualcosa di molto simile nello stesso golfo.

Secondo il quotidiano britannico Telegraph la nave "colpita da un siluro" è la Front Altair, di proprietà norvegese, mentre per l'altra, la Kokuka Courageous, che batte bandiera panamense, il "sospetto attacco" ha aperto uno squarcio nello scafo appena sopra la linea di galleggiamento.

Il precedente - Quattro petroliere al largo degli Emirati Arabi Uniti furono attaccate e gli Usa solo pochi giorni fa, il 6 giugno, hanno accusato l'Iran di essere dietro l'operazione. Anche per l'esplosione delle due navi cargo, avvenuta a una settimana esatta dall'ufficializzazione delle accuse, il comandante della Marina Usa Joshua Frey, portavoce della Quinta flotta, parla senza mezzi termini di "attacco" pur senza precisare la fonte.

Usa non escludono una risposta militare - Secondo fonti dell'amministrazione americana, dopo l'attacco alle petroliere nel Golfo dell'Oman, tutte le opzioni restano sul tavolo, una risposta di tipo militare. La stessa fonte spiega come gli Usa siano in possesso di immagini che testimoniano la presenza di una mina inesplosa su una delle due petroliere.

Segretario di Stato Usa accusa l'Iran - Secondo il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ci sarebbe l'Iran dietro l'attacco alle petroliere nel Golfo di Oman: "Sono loro i responsabili, per colpire gli alleati degli Stati Uniti" ha detto. "Fanno parte di una campagna dell'Iran per aumentare le tensioni e creare sempre più instabilità nella regione - ha aggiunto -. La risposta sarà economica e diplomatica".

Ue: "Evitare provocazioni" - L'Alta rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini ha lanciato un appello a evitare "ogni provocazione" ed esercitare la "massima moderazione" per evitare escalation. "La regione - ha chiarito la portavoce Maja Kocijancic - non ha bisogno di ulteriori elementi di destabilizzazione e tensioni".

Il Cremlino: "Prematuro trarre conclusioni" - Invita alla prudenza il Cremlino, con il portavoce del presidente russo Dmitri Peskov che afferma: "Le cause degli incidente sono ancora sconosciute e quindi è prematuro trarre conclusioni". Peskova ha sottolineato che eventuali contatti con i Paesi medio-orientali sulla questione sono competenza del ministero degli Esteri. "Ma finora - ha aggiunto - nessuno ha informazioni sulle cause di questi incidenti e cosa ci sia dietro e quindi non si possono trarre conclusioni avventate".

Barile in rialzo - Subito dopo gli incidenti, il prezzo del barile è salito del 4%, con le quotazioni del barile arrivate in prossimità dei 55 euro, segno evidente di quanto sia cruciale l'area interessata per le forniture energetiche. Un terzo di tutto il petrolio commerciato via mare passa per quel braccio di mare, che dà sul Golfo Persico.

I timori del Giappone - A parlare di "attacco" è stato inoltre il ministro del Commercio nipponico Hiroshige Seko, aggiungendo che le due navi trasportavano carichi "collegati al Giappone". "Quelle due navi sono state attaccate vicino allo Stretto di Hormuz", ha detto Seko, proprio mentre Shinzo Abe e in Iran come primo premier giapponese in visita dal 1979. "Ho dato istruzioni per adottare le misure necessarie - ha detto ancora il ministro -, come la diffusione di avvisi ai settori di business preoccupati e riaffermando il sistema delle forniture d'energia, continuando a lavorare alla raccolta meticolosa di informazioni".

Tokyo importa la quasi totalità del suo petrolio dai Paesi del Golfo, a partire dall'Arabia Saudita. Dopo lo stop dei flussi dall'Iran, a causa delle minacce di sanzioni dagli Usa, Tokyo ha aumentato le importazioni da altri produttori dell'area, come Emirati Arabi e Qatar.

L'Iran: "Imperativo il nostro dialogo" - E' arrivata subito la replica del ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, che su Twitter ha scritto: "I riferiti attacchi contro cargo legati al Giappone sono avvenuti mentre il premier Abe stava incontrando l'ayatollah Ali Khamenei per colloqui approfonditi e amichevoli. Dire che è sospetto non è abbastanza per descrivere ciò che probabilmente è successo. Il dialogo regionale proposto dall'Iran è imperativo".

Golfo di Oman, le due petroliere attaccate

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali