FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Francia, il governo scavalca il Parlamento per approvare il jobs act: proteste in Aula e in piazza

Il primo ministro Valls forza la mano sulla riforma del lavoro: la legge sarà adottata direttamente dallʼesecutivo con un decreto

Passa per decreto la riforma del lavoro in Francia. Il premier, Manuel Valls, ha infatti deciso di forzare la mano facendo ricorso all'articolo 49.3 della Costituzione, bypassando il voto dei deputati. La mossa è stata condannata anche dal partito socialista di cui Valls fa parte. Alcuni deputati starebbero considerando l'ipotesi di presentare una mozione di sfiducia contro il governo, mentre diversi contestatori sono scesi in piazza a Parigi.

Jobs act, il governo francese "scavalca" il Parlamento: proteste a Parigi

La strada scelta dall'esecutivo è, di fatto, una sorta di scorciatoia: "Questo Paese è troppo abituato alla disoccupazione di massa - ha detto il primo ministro rivolgendosi al Parlamento - lo facciamo nell'interesse generale del popolo francese, non per intransigenza".

L'iter legislativo contestato - Come detto, il contestato articolo costituzionale permette al governo di adottare una legge senza passare per il voto del Parlamento, salvo una mozione di censura dei deputati nelle 24 ore successive. Mozione che la destra, che all'annuncio del premier ha lasciato l'emiciclo in segno di protesta, ha affermato di non voler presentare. Se nessuna mozione sarà depositata entro le prossime 24 ore, il progetto di legge, che provoca da quattro mesi manifestazioni a ripetizione nel Paese, sarà definitivamente adottato.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali