FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mosca, ruba neonato senza sapere che era stato abbandonato: condannata

Si è intrufolata nel reparto di pediatria dellʼospedale di Mosca, ha preso un maschietto appena nato ed è fuggita con lui

Mosca, ruba neonato senza sapere che era stato abbandonato: condannata

Voleva un figlio a tutti i costi e non potendolo avere decide di rubarlo in ospedale. Succede nel 2014 a Mosca. La "ladra" non sa però che il bimbo che ha sottratto dal reparto di pediatria era stato abbandonato dalla madre naturale poco prima. Ora però Elena Spahova, 40 anni, è stata condannata a cinque anni di domiciliari per il rapimento. Il bambino, che adesso ha tre anni e ha vissuto con lei, le è stato portato via ed è stato affidato a un'altra famiglia.


E' giugno 2014 quando la donna decide di intrufolarsi nell'ospedale di Mosca e, approfittando della momentanea assenza del personale medico, sottrae un bambino da una delle tante culle del reparto di pediatria. Mentre fugge con il neonato, Elena non sa però che in verità non lo sta rubando a una mamma, ma gliene sta regalando una. Poche ore prima, infatti, il piccolo era stato abbandonato dalla madre naturale e sarebbe finito presto in un orfanotrofio.

Elena lo cresce per tre anni come un figlio, costretta però a tenerlo nascosto. Tra il 2014 e il 2017 non porta infatti mai il bambino dal pediatra e non lo sottopone a nessuna cura medica. Lo scorso gennaio la donna, capendo che non può tenerlo segreto ancora a lungo, tenta di farlo passare per suo figlio naturale e cerca di far fare al piccolo i documenti. E' in quel momento che viene scoperto il rapimento. 

Ora Elena è stata condannata a cinque anni di domiciliari, mentre il bambino, che nel frattempo le è stato portato via, ha già una nuova famiglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali