FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, spari al mercatino di Natale a Strasburgo | 3 morti e 12 feriti gravi

Il presunto killer era già noto in quanto elemento "radicalizzato". Il sindaco della città: "Ci sarebbe un secondo sospetto"

Torna l'incubo terrorismo in Francia. Un uomo (forse due) ha aperto il fuoco in mezzo alla folla in un mercato di Natale a Strasburgo, sede del Parlamento Ue. Sono almeno 3 i morti e 12 i feriti gravi. Il sindaco: "Ci sarebbe un secondo sospetto". L'assalitore, identificato come Cherif Chekatt, 29 anni, era già noto come un elemento "radicalizzato". E' sfuggito alla cattura martedì mattina. Tra i feriti anche un giornalista italiano: non è grave.

Numerose ambulanze sono state viste entrare nel centro mentre negli ospedali locali è scattato il "piano bianco", la massima allerta per le situazioni di crisi.

Killer radicalizzato - Il presunto killer, identificato, era finito già in carcere in passato per aggressione. In seguito era stato segnalato come elemento "radicalizzato" e come minaccia per la sicurezza nazionale. Si chiama Cherif Chekatt, 29 anni, di origini nordafricane ma nato a Strasburgo. Per prenderlo la polizia ha messo in piedi una caccia all'uomo imponente. Blindato il centro storico dove nessuno è stato fatto più entrare. Pattugliate palmo a palmo le strade deserte, anche con un elicottero. Il sindaco della città Roland Ries, ha subito parlato di un attentato terroristico e ha invitato tutti ad asserragliarsi dentro casa.

Caccia all'uomo, forse è ferito - Il 29enne è riuscito comunque a scappare allontanandosi dal centro. Dopo qualche ora lo hanno individuato in un quartiere di periferia, Neudorf, dove in un primo momento sembrava si fosse asserragliato in un immobile. Ma il blitz della polizia è fallito e le ricerche continuano. A quanto pare l'attentatore non avrebbe agito da solo e in centro si continua a cercare anche un secondo sospetto.

A Strasburgo è la settimana più affollata, quella che oltre ai turisti vede arrivare in città tutto il personale del Parlamento europeo per la plenaria mensile. Molti gli eurodeputati, anche italiani, che si sono ritrovati bloccati dentro i ristoranti e i bar. Mentre il Parlamento è stato blindato, su ordine del presidente Antonio Tajani, e tantissime persone sono rimaste chiuse nel palazzo.

Strasburgo, ecco chi è il killer

L'attentatore di Strasburgo, già stato in carcere e condannato 20 volte per reati minori e successivamente segnalato come elemento "radicalizzato", è stato identificato con il nome di Chérif Chekatt, di 29 anni. L'uomo era sfuggito all'arresto in mattinata durante una perquisizione nella sua abitazione, secondo quanto riferisce Bfm-Tv. L'operazione era stata organizzata nell'ambito di un'inchiesta per rapina. Secondo la stessa fonte, l'uomo, nato a Strasburgo, risiede nel quartiere di Neudorf, al numero 5 di rue d'Épinal.

leggi tutto

La polizia ha quindi isolato la zona per un raggio di circa 200 metri attorno alla piazza Gutenberg, il traffico è stato deviato, mentre le ambulanze correvano verso il centro. Il presidente francese Emmanuel Macron ha lasciato in anticipo un ricevimento in corso all'Eliseo per seguire personalmente i fatti nella città alsaziana.

"Sostenitori Isis celebrano l'attacco" - L'attacco è stato celebrato dai sostenitori dell'Isis. Lo ha riferito in un tweet Rita Katz del Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web. Tuttavia nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità dell'attacco.

Due anni fa, sotto Natale, la polizia francese aveva sventato un possibile attacco terrorista ai mercatini, smantellando una cellula a Marsiglia.

Spari al mercatino di Natale a Strasburgo: polizia ed esercito in azione

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali