FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, Parlamento approva legge su moralizzazione vita pubblica

Il progetto è passato allʼAssemblea Nazionale con 412 voti favorevoli, 74 contrari e 62 astenuti

Francia, Parlamento approva legge su moralizzazione vita pubblica

Il Parlamento francese ha adottato in via definitiva il disegno di legge sulla moralizzazione della vita pubblica. Il progetto è passato all'Assemblea nazionale con 412 voti favorevoli, 74 contrari e 62 astenuti. Il gruppo dei repubblicani ha respinto in blocco la proposta, annunciando che farà ricorso al Consiglio costituzionale, mentre La France Insoumise di Jean-Luc Mèlenchon e la Sinistra democratica e repubblicana hanno optato per l'astensionismo.

Lo aveva ribadito in campagna elettorale e ha mantenuto la promessa: la "loi de moralisation de la vie publique" ha un obiettivo chiaro, quello di ristabilire la fiducia tra cittadini e politica e limitare i privilegi della casta. Il provvedimento legislativo prevede il divieto per i parlamentari, i ministri e gli eletti locali di assoldare un parente come proprio collaboratore; la soppressione della “riserva parlamentare”, somma di denaro, di circa 140 milioni all'anno, a disposizione dei deputati e dei senatori per sostenere associazioni e collettività locali; la creazione di una “banca della democrazia” e di un “mediatore del credito” per un dialogo più trasparente tra le banche, i partiti e i candidati; il controllo fiscale dei parlamentari a inizio mandato e infine la creazione di “registri pubblici” per i parlamentari in conflitto d'interesse.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali