FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

21/2/2011

"Mia figlia si chiama Facebook"

Una scelta per l'Egitto libero

Il web libera tutti. Lo sanno bene gli egiziani che, grazie al passaparola tra blog e social network, hanno creato la piů grande mobilitazione popolare nella storia del loro paese che ha portato alla fuga di Mubarak. Per omaggiare il contributo che internet e soprattutto i social network hanno dato alla causa egiziana e al popolo di piazza Tahrir, una coppia ha voluto omaggiare il web chiamando la propria neonata in modo piů che bizzarro. La piccola si chiama Facebook Jamal Ibrahim.

La notizia č stata pubblicata sul quotidiano egiziano Al Ahram. In Egitto ci sono cinque milioni di utenti Facebook, piů di qualsiasi altro paese del Medio Oriente e Magreb, e solamente nelle ultime settimane, dopo 25 gennaio, sono nate circa 14 mila nuove pagine. Segno che l’Egitto č pronto per aprirsi al mondo. L’uomo che ha guidato la rivoluzione culturale egiziana sfruttando la forza democratica e libertaria del web, Wahel Gonim, aveva personalmente ringraziato Facebook per l’apporto che il social network aveva dato alla causa. Questa coppia di genitori non si č limitata a tessere un elogio per Mark Zuckerberg, ma con la loro scelta sono schizzati in vetta alla classifica del nome piů assurdo mai dato un bambino a pari merito con la coppia che aveva chiamato il proprio bambino Google. D’ora in avanti non sconvolgeranno piů i vari Oceano, Apple o Megatron che sia.

Ultimo aggiornamento ore 07:47


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark