FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Mondo > Bratislava, 50enne compie strage
30.8.2010

Bratislava, 50enne compie strage

Uccide sette persone, poi si suicida

Sette persone sono state uccise e almeno 15 ferite da un uomo di 50 anni che ha sparato con un mitra in un quartiere della capitale slovacca Bratislava. Il giovane ha compiuto la strage nel quartiere di Devinska Nova Ves. I morti sono cinque donne e due uomini. Ignoto il movente della strage. L'omicida, che ha sterminato un'intera famiglia rom, al termine del raptus si è tolto la vita.
Strage di rom a Bratislava. L'uomo, forse un ex poliziotto o un ex militare, ha fatto irruzione in un'abitazione alla periferia della capitale slovacca e ha aperto il fuoco con un mitra e altre armi, uccidendo quattro donne e due uomini, tutti appartenenti alla stessa famiglia. Un'altra donna è morta dopo essere stata colpita da una pallottola vagante. Si è messo poi a sparare all'impazzata per strada, ferendo altre 15 persone, e poi, vistosi circondato dalla polizia, si è tolto la vita. I corpi di cinque delle sette vittime sono stati trovati all'interno dell'abitazione, a quanto pare un prefabbricato, nel sobborgo di Devinska Nova Ves. Un altro era nell'ingresso e il settimo, quello di una donna di 52 anni non appartenente alla famiglia rom, sul balcone di un'altra casa dal quale si era affacciata.

Il folle aveva un vero e proprio arsenale
Lo sparatore era uno slovacco di 50 anni. Aveva con sé un vero arsenale: un mitra Z58, un fucile automatico, un fucile a canne mozze e otto caricatori, tutte armi che avrebbe detenuto illegalmente. Una foto di lui scattata da un testimone ritrae un uomo magro con i capelli grigi e una cuffia anti-rumore in testa, con un mitra un mano e lo sguardo rivolto ai piani superiori del prefabbricato. La dinamica è stata ricostruita dopo molte ore dal comandante della polizia slovacca Jaroslav Spisiak e dal ministro dell'interno Daniel Lipsic. Prima si erano susseguite notizie confuse, anche sull'età dello sparatore, che una tv aveva descritto come un quindicenne, drogato o ubriaco. ''Mentre scappava ha sparato su tutto quello che si muoveva, poi i poliziotti lo hanno circondato... gli hanno reso la fuga impossibile'', ha detto Spisiak.

Ignoto il movente della strage
Il movente non è noto. Il ministro dell'interno lo ha definito un "assassino in preda alla follia" e ha detto di non voler far "congetture su un eventuale movente razziale". I media locali non escludono un regolamento di conti fra vicini di casa: l'uomo abitava infatti nello stesso edificio dei rom, al piano di sopra. "Non lo conoscevamo, ma era un uomo che odiava la gente di colore", ha detto un parente delle vittime. Dei 15 feriti, fra cui un poliziotto, nove sono stati ricoverati in ospedale, tre in gravi condizioni. Una bambina di tre anni ferita in modo lieve all'orecchio da schegge di vetro è stata medicata localmente.

In Slovacchia i rom rappresentano la seconda minoranza etnica per importanza, dopo quella ungherese, e la loro integrazione è problematica. La scorsa settimana ha destato aspre polemiche la costruzione di un muro anti-rom in cemento armato a Michalovce, nell'est del Paese, finanziata da comuni cittadini per impedire agli zingari "di creare disordine".
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile