FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

29/12/2008

"Usa distrutti da guerra civile"

Profezia per il 2010 di studioso russo

Nel 2010 i turisti stiano lontani dagli Stati Uniti. Secondo Igor Panarin, ex analista del Kgb, gli States saranno dilaniati da una guerra civile che porterà il Paese alla distruzione. A causare lo scenario apocalittico, che si dovrebbe verificare fra solo due anni ormai, sarà la crisi economica che stravolgerà il tessuto sociale. Gli Usa si troverebbero spaccati in sei aree, con l'Alaska ritornata sotto il controllo russo.

"Già adesso abbiamo il 55-45 per cento di possibilità che la disintegrazione possa avvenire: si può anche gioire di questo processo, ma se ragioniamo questo non sarebbe il miglior scenario anche per la Russia", dichiara l'esperto al Wall Street Journal spiegando che Mosca, pur trovandosi ad essere molto più potente a livello globale, avrebbe dei gravi contraccolpi anche nella sua economia.

Secondo la teoria di Panarin la scintilla della "Seconda guerra civile americana" potrebbe scoccare già ad autunno, provocando il tracollo del dollaro. Per l'estate del 2010 la principale potenza mondiale si troverebbe divisa: le Hawaii diventerebbero cinesi o giapponesi. Il Nord-Est ritornerebbe sotto l'influenza europea secondo Panarin che ipotizza anche una sua adesione all'Unione Europea; dalla Florida al New Mexico poi ci sarebbe la Repubblica del Messico. Sarebbe invece sotto l'influenza canadese la Central North-America Repubblica e sotto quella cinese, se non addirittura parte della Cina, la Repubblica della California, che coprirebbe tutta la costa occidentale, compresa Arizona, Idaho e Utah.

Presentata la prima volta nel 1998, questa profezia apocalittica sta avendo molto successo perché riflette l'anti-americanismo ancora diffuso in Russia.