ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
23/11/2004

Delfini salvano nuotatori da squalo

Nuova Zelanda, paura per 4 bagnanti

Nel mare della Nuova Zelanda alcuni delfini hanno protetto inermi bagnanti dall'attacco, altrimenti inevitabile, di un grande squalo bianco. I sette delfini hanno circondato un bagnino che si trovava in compagnia della figlia e di una sua amica a circa 100 metri dalla riva di Ocean Beach, sulla costa nord-est. Il branco creando una barriera ha costretto i nuotatori a stare uniti tra loro in modo da non essere bersaglio dello squalo.

Quando Rob Howes, il bagnino, ha cercato di allontanarsi dal gruppo, due dei delfini per proteggerlo lo hanno respinto indietro e l'uomo ha capito cosa stava succedendo: si stava avvicinando uno squalo bianco di quasi tre metri di lunghezza.

Howe ancora scosso dall'accaduto ha dichiarato:"Sono rimasto impietrito. Era ad appena due metri da me. L'acqua era cristallina e lo squalo era chiaro con il naso sulla mia faccia. Allora ho capito che i delfini avevano formato una barriera di protezione attorno a noi".

Nel frattempo un altro bagnino, Matt Fleet, che stava facendo un giro di ricognizione a bordo di un gommone di salvataggio, ha notato subito il comportamento alquanto inconsueto del branco di delfini. Tuffandosi per raggiungere il gruppo ha visto lo squalo bianco e ha raggiunto velocemente a nuoto gli altri malcapitati dietro la "barriera".

La protezione dei delfini contro lo squalo è andata avanti oltre 40 minuti, battendo in continuazione la coda sulla superficie dell'acqua. Solo tornati a riva, sani e salvi, i due uomini hanno rivelato alle ragazze cosa era successo: le due amiche non si erano accorte della presenza dello squalo.

Rochelle Costantine, studiosa di mammiferi marini dell'università di Auckland, ha definito la reazione dei delfini del tutto normale: "Amano aiutare gli indifesi, e sono sempre all'erta in presenza di squali. Battere la coda sull'acqua è la loro maniera di comunicare e potrebbe essere stata una funzione di gruppo per mantenere la barriera protettiva".

Non è il primo caso al mondo in cui dei delfini hanno protetto dei nuotatori, secondo un'esperta del gruppo ambientalista Orca Research,  gli animali hanno percepito il pericolo che stavano correndo i quattro bagnanti e sono intervenuti immediatamente per difenderli. Spesso accade che i delfini attacchino gli squali per protteggere se stessi e la prole e in questo caso hanno protetto degli uomini indifesi.