FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio a Maryan Mirzakhani, prima donna ʼNobelʼ della matematica

Lʼiraniana aveva ricevuto la prestigiosa Medaglia ʼFieldsʼ nel 2014. Eʼ morta per un cancro al seno negli Stati Uniti

Addio a Maryan Mirzakhani, prima donna 'Nobel' della matematica

L'iraniana Maryam Mirzakhani, prima donna a ricevere la prestigiosa Medaglia 'Fields' per la matematica (considerata il 'Nobel per la matematica'), è morta a 40 anni negli Stati Uniti per un cancro al seno, che si era esteso anche alle ossa. Professoressa all'Università' di Stanford, in California, Mirzakhani aveva ottenuto nel 2014 l'autorevole premio che viene assegnato ogni quattro anni solo a studiosi sotto i 40 anni.

Cresciuta nell'Iran post-rivoluzione khomeinista, Mirzakhani si era già distinta in gioventù vincendo due medaglie d'oro alle Olimpiadi della matematica. Nel 2004 aveva ottenuto un Phd ad Harvard e poi aveva iniziato ad insegnare a Stanford. La sua morte prematura ha sconvolto le istituzioni, i suoi colleghi, gli amici. Sia il presidente Hassan Rohani che il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif hanno inviato messaggi di condoglianze alla famiglia e alla comunità degli scienziati iraniani. Così su Instagram Zarif: "La scomparsa del genio matematico iraniano rattrista me e tutti gli iraniani che hanno grande stima dei loro scienziati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali