FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Saronno: cacciatore di Pokémon GO scambiato per un ladro

I residenti allarmano le forze dell’ordine pensando a un topo da appartamento e invece si trattava solo di un cacciatore di animaletti virtuali

Saronno: cacciatore di Pokémon GO scambiato per un ladro

La vita di provincia non scorre sempre tranquilla. È quello che devono aver pensato i residenti di Cislago, nei pressi di Saronno, quando hanno visto aggirarsi intorno alle loro abitazioni un individuo armato di cellulare che, con fare sospetto, sembrava scandagliare ogni angolo della zona.

Hanno così pensato di allertare istantaneamente la polizia segnalando il fatto.

Quando gli uomini della volante si sono presentati di fronte al presunto criminale, hanno scoperto con loro divertita sorpresa che si trattava solo di un ragazzo che andava a caccia di Pokémon, cercando di testare l’ultima versione del gioco mobile Pokémon GO che tre anni fa era diventato quasi una mania dilagante, dopo aver causato non pochi problemi.

Il ragazzo mortificato e spaventato ha subito mostrato lo schermo del suo telefono come prova della sua non colpevolezza, così le forze dell’ordine hanno fatto rientrare l’allerta rassicurando i residenti dello scampato pericolo. Il nostro Detective Pikachu, anche questa volta, può quindi tirare un sospiro di sollievo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali