FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ferrari: "La PlayStation è un nostro competitor"

Arrivabene, responsabile della scuderia Ferrari, riflette sullʼinteresse e i numeri delle competizioni a base di videogiochi

Ferrari: "La PlayStation è un nostro competitor"

Parlando dell'audience e gli appassionati di Formula 1, Maurizio Arrivabene, capo della scuderia Ferrari, ha riflettuto sulla continua crescita di interesse e il conseguente fatturato degli eSport, le competizioni a base di videogiochi che da anni spopolano in tutto il mondo (e hanno conquistato anche Michael Jordan).

"I nostri competitor, e questa è una mia opinione personale, sono le PlayStation", ha affermato Arrivabene accorpando tutto il movimento nominando il brand di casa Sony, quello più presente sul mercato al momento.

"Evidentemente dobbiamo cambiare la nostra mentalità e concentrarci sui nostri concorrenti. Abbiamo a disposizione un'offerta più ampia di intrattenimento e dobbiamo guardare a tutto, non solo a certi sport. Le PlayStation sono un nostro concorrente? Secondo me, sì. Cosa dobbiamo fare per batterle? Qualcosa di più interessante, probabilmente. Oggi l'offerta è più grande di molti anni fa".

Quella di Arrivabene non è un’opinione nuovissima: già nel 1999, Ken Kutaragi, all'epoca responsabile di PlayStation, non era interessato a individuare un singolo concorrente della sua azienda, perché in realtà la vera sfida era conquistare il tempo libero dedicato a tutte le attività ricreative degli eventuali acquirenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali