FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Germania, dai videogiochi a una setta religiosa: streamer finisce sotto inchiesta

Unʼindagine di circa un anno mette sotto accusa un content creator che ha fatto del suo canale a tema videoludico un culto illecito

 Athene

Credere nell'immenso potere dei videogiochi spesso diventa oggetto di estremo fanatismo. Proprio di questo si è occupato per più di un anno il canale PeopleMakeGames, fondato dall'ex-videomaker di Eurogamer Chris Bratt e dall'animatrice Anni Sayersche: dopo un lunghissimo anno di indagini, i due hanno apertamente accusato lo youtuber belga Bachir “Athene” Boumaaza, residente in Germania e reo di aver creato un canale a tema videoludico per poi trasformarlo in un'illecita setta religiosa.

Lo pseudo-culto chiamato "Neuro-Spinozismo", sarebbe in realtà il volto di un'organizzazione chiamata "Singularity Group", responsabile di manipolazione, misoginia, abusi morali e negligenza.

Alcune delle scottanti dichiarazioni degli ex membri del gruppo e dello stesso Boumazaa sono riprese nel video pubblicato in rete, contenenti affermazioni che incitano alla violenza sulle donne ("le ragazze si sono evolute per essere delle vere e proprie macchine da manipolazione") e che culminano infine con le accuse formali da parte dei due rappresentanti di PeopleMakeGames, smentite però dallo stesso youtuber.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali