ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
19/8/2006

Storie di "comuni immortali"

Racconti di Isabella Marchiolo

“Comuni immortali” è un titolo che sembra un gioco o un trabocchetto. In realtà è un espediente che la giornalista calabrese Isabella Marchiolo utilizza per introdurre i lettori in un mondo popolato da personaggi comuni e storie immortali. I dieci racconti svelano la vita, la fissano nero su bianco. È quasi un’esaltazione del quotidiano, della vita “minima”, sempre in bilico tra la gioia e il dramma.

Sembrerebbe un semplice quadro dell’esistenza, niente di più. I personaggi, invece, sanno come e quando far prevalere il loro mondo parallelo, che si radica nel primo e ne dipende, prendendosi la vita. Sono uomini e donne sempre alla ricerca di una meta successiva, che hanno voglia di un riscatto, perché si sentono “strani” e sottovalutati. La via scelta per descrivere i “comuni immortali” è quella della disillusione, perché è difficile nei racconti della Marchiolo che gli affetti possano maturare in amori duraturi. Gli interessi, la cura del proprio particulare, come direbbe Francesco Guicciardini, esaltano le individualità e contaminano le storie narrate.

Così fu quell'amore dal mancato finale, così splendido e vero da potervi ingannare: questo verso di Dolcenera di Fabrizio De Andrè può spiegare con poche parole la storia "Una bellissima coppia". Due giovani coniugi tentano la strada dello scambio di amore e sesso con altri, ma la realtà li travolge, cambiando e deludendo le loro speranze. Ancora il sesso, questa volta ricordato con toni delicati, influenza "Il fiore rosso". Una donna cardiopatica riesce ad avere un trapianto di cuore e ripensa a un amore passato, ma che non passa, capace com’è di illuminare ancora l’esistenza quotidiana. La scrittura della Marchiolo si fa pulsante, segue di volta in volta il ritmo dei protagonisti, interagisce con i loro pensieri e la natura umana.

Nel racconto finale "Comuni immortali", che dà il titolo al libro, un detective si scopre ossessivamente attratto da una cliente, di cui s’innamorerà inutilmente. Le situazioni nascono così dall’istinto, sono passionali, presentano il lato più genuino dei rapporti umani, vanno oltre le parole. Prendendo in prestito un pensiero di Eugenio Montale, si potrebbe dire che i tanti protagonisti dei dieci racconti siano, non si sa quanto consapevolmente, in attesa di trovare l' anello che non tiene nel gran motore della vita.


Gianpaolo Palazzo


Isabella Marchiolo
Comuni Immortali
Edizioni Palomar
Pagine 143
Euro 12