FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il Comune di Cesena paga chi va a lavoro in bici: 25 cent a chilometro

A partire dal 2 luglio anche a Cesenatico sarà possibile percepire un premio in denaro legato alla mobilità sostenibile. Grazie a una app

Il Comune di Cesena paga chi va a lavoro in bici: 25 cent a chilometro

Incentivi a chi lascia a casa l'auto per andare al lavoro in bici. Il progetto si concretizza a Cesena e Cesenatico, dove da lunedì 2 luglio sarà possibile percepire un premio in denaro legato alla mobilità sostenibile. I due Comuni romagnoli, infatti, propongono l'iniziativa "Al lavoro in bicicletta": 25 centesimi per ogni chilometro percorso da casa al lavoro, con un tetto massimo di 2,5 euro al giorno e di 50 euro al mese fino a novembre. Il tutto calcolabile tramite una app.

Il premio per i ciclistiLa rendicontazione delle distanze, come spiega Il Resto del Carlino, sarà dunque possibile con un'app gratuita, scaricabile sullo smartphone e collegata a un sistema satellitare.

Come fare, concretamente, per diventare ligi lavoratori-ciclisti? Bisognerà iscriversi in Comune compilando un modulo e portare ovviamente sempre con sé il telefono quando si pedala.

Per il triennio 2018-2021 sono disponibili 90mila euro nell'ambito di un programma sperimentale del ministero dell'Ambiente.

Il precedente in ItaliaA fine 2015 fu per primo in Italia il Comune di Massarossa, in provincia di Lucca, a premiare chi all'auto preferiva la bici nell'ambito del programma anti-smog. L'incentivo era sempre di 25 cent a chilometro, fino a un massimo di 50 euro al mese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali