FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Asiago, Comune sempre più green

Vietato introdurre materiali non biodegradabili nei parchi e nelle aree boschive (ma non solo)

Asiago, Comune sempre più green

Asiago, capoluogo dell'Altopiano dei Sette Comuni, in provincia di Vicenza, diventa ancora più verde. Con una politica “plastic free” ha deciso di mettere 'fuori gioco' forchette, piatti, bicchieri e sacchetti non biodegradabili da parchi, aree boschive, piazze, strade, scuole. La plastica sarà vietata anche nei locali della biblioteca comunale e allo stadio del ghiaccio.

E' stato il Consiglio Europeo a dare recentemente il via libera formale alla direttiva che vieta l'utilizzo dal 2021 degli oggetti in plastica monouso, compresi bastoncini cotonati e cannucce per bere.

Da sempre molto attento alla sostenibilità ambientale, per essere ancora più “green” Asiago ha già fatto propria questa direttiva, anticipando i tempi con un’ordinanza comunale che già da ora dichiara guerra a tutti quei polimeri che possono avvelenare l’ecosistema dell’Altopiano.

Una iniziativa importante per tutelare il futuro e l’integrità di un’area già colpita, lo scorso ottobre, da una violentissima ondata di maltempo che si è abbattuta su quei boschi secolari raccontati da Mario Rigoni Stern e da Ermanno Olmi, sradicando almeno 180.000 alberi, tra abeti e larici. L’ordinanza “plastic free” sarà ben evidenziata da cartelli installati anche nelle vicinanza di malghe e rifugi, e poi lungo sentieri e torrenti. Per i trasgressori la multa potrà arrivare anche fino a 500 euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali