FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

CHIUDI X

Video Tgcom24 -Economia

"Ogni giorno è una battaglia, solo la passione può portare al successo"

Diego Merlo, amministratore delegato del Caseificio dell'Alta Langa di Bosia (Cuneo) racconta i segreti del successo dell'attività di famiglia

- "E' una sfida quotidiana. Coi tempi che corrono ogni giorno è una battaglia". C'è grinta e passione nelle parole di Diego Merlo, amministratore delegato del Caseificio dell'Alta Langa di Bosia, in provincia di Cuneo. Una piccola realtà, rigorosamente artigianale e familiare, capace di lavorare ogni settimana 1.500 quintali di latte, di vendere il 40% dei propri prodotti oltre i confini nazionali e di fatturare 13 milioni di euro.

Diego Merlo - Caseificio dell'Alta Langa

"Ogni giorno è una battaglia, si vince solo con la passione"

Come inizia la vostra storia?
"Noi rappresentiamo la terza generazione della nostra famiglia in questo settore. Tutto è iniziato con nostro nonno, che andava a comprare le formaggette dai piccoli produttori locali e le rivendeva poi nei mercati. Qualche anno più tardi, insieme a mio padre e a mio zio, ha iniziato a produrle. L'azienda è cresciuta tantissimo fino a che, nel 1991, abbiamo deciso di cederla. Lo stesso anno abbiamo acquistato questo piccolissimo caseificio, dove lavoravano solo 4 persone. Avevamo intenzione di fare una cosa molto più artigianale rispetto a quella precedente. Col tempo ci siamo allargati e adesso siamo a 75 dipendenti".

Cosa è rimasto di vostro nonno?
"Di nostro nonno è rimasto tutto. La sua passione è la nostra passione. D'altronde di questi tempi se non hai passione non vai avanti".

Si è imprenditori per Dna?
"In parte sì, nel senso che sicuramente dev'essere una caratteristica del tuo carattere. E' ovvio che il lavoro che hanno portato avanti le generazioni precedenti deve pure piacere. Altrimenti puoi avere tutto il Dna che vuoi ma non basta. Ci vuole passione, senza non vai avanti".

Qual è il vostro segreto, il vostro punto di forza?
"Il nostro punto di forza, che poi è stata la chiave del nostro successo, è la qualità. Noi non abbiamo macchinari. L'investimento è quindi sulle materie prime e sulla formazione dei nostri casari. Anni fa abbiamo deciso di fare prodotti mescolando vari tipi di latte. E' stata una scommessa perché è già difficile produrre usando un solo tipo di latte dal momento che non è mai uguale durante il corso dell'anno. La nostra forza è proprio riuscire a fare un prodotto costante nel tempo senza essere standardizzato come i prodotti industrializzati".

Quanto conta l'estero per il vostro caseificio?
"Attualmente l'export è intorno al 40%. E' un dato in forte crescita, basti pensare che fino a pochi anni fa non superavamo il 6-7%. Attualmente il nostro secondo miglior mercato è quello tedesco. Poi vendiamo bene anche in Australia, in Giappone... Un Paese che ci sta regalando molte soddisfazioni sono gli Stati Uniti. E' un mercato molto difficile, soprattutto perché è da costruire: fino a dieci anni fa pochissimi americani conoscevano prodotti come i nostri. Conoscevano solo la mozzarella o il grana".

Come viene accolta un'impresa italiana all'estero?
"L'italiano all'estero parte sempre con un po' di handicap, per mille motivi. Nell'alimentare però siamo visti piuttosto bene perché ci riconoscono la capacità di produrre bene. L'alimentare associato al Made in Italy dà un aiuto perché è vero, da un lato l'italiano è visto in maniera non così positiva ma dall'altro, sotto l'aspetto della qualità, è visto bene".

Siete tra i protagonisti di Expo 2015?
"Sì, saremo ospiti del padiglione di Intesa Sanpaolo (nell'ambito dell'iniziativa Intesa@Expo, ndr) dove potremo far assaggiare i nostri formaggi. Sicuramente Expo, al di là di tutte le polemiche, penso possa dare un aiuto all'artigianalità delle produzioni alimentari".

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Diego Merlo
Caseificio dell'Alta Langa
Bosia
Cuneo
Storie d'impresa