FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pil Italia, la crescita rallenta allo 0,2% Ma quella annua è la più alta dal 2011

Luci e ombre dagli ultimi dati Istat, con un aumento dellʼeconomia su base annuale allo 0,9%, numero che non si vedeva da tempo. Standard & Poorʼs conferma il rating BBB-

Pil Italia, la crescita rallenta allo 0,2% Ma quella annua è la più alta dal 2011

La crescita congiunturale del Pil italiano rallenta: secondo le stime dell'Istat nel terzo trimestre si ferma al +0,2%, dopo il +0,3% del secondo e il +0,4% del primo. Inoltre il dato risulta sotto le attese degli analisti. Su base annua, però, il Prodotto interno lordo segna un incremento dello 0,9%: è il rialzo maggiore dal secondo trimestre del 2011, cioè da più di quattro anni. L'agenzia Standard & Poor's, intanto, in una nota conferma il rating sull'Italia 'BBB-'. "L'outlook è stabile", si legge.

Bene il mercato interno, crescita acquisita allo 0,6% - Ad aiutare l'economia tra luglio e settembre è stato il mercato interno, mentre a "zavorrare" la crescita è stata l'economia oltre confine. Sul fronte della domanda, dicono infatti all'Istat, "c'è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e uno negativo della componente estera netta".

Con questi ultimi numeri, la crescita acquisita del Pil per il 2015 risulta pari allo 0,6%. E va sottolineato che l'aumento su base annua (+0,9%) risulta in accelerazione anche rispetto alla crescita tendenziale del secondo trimestre, quando si era fermato allo 0,6%.

All'estero, nello stesso periodo il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,4% negli Stati Uniti e dello 0,5% nel Regno Unito. In termini tendenziali, l'aumento è stato del 2% negli Usa e del 2,3% nel Regno Unito.

Standard & Poor's: ripresa modesta in corso in Italia - "Una modesta ripresa dell'economia è in corso" in Italia e la crescita del Pil dovrebbe accelerare all'1,3% l'anno in media nel 2016-2017, con il rafforzamento della domanda interna. Lo afferma Standard & Poor's in una nota in cui si conferma il rating sull'Italia 'BBB-': l'outlook è stabile. Il debito italiano si attesterà al 131,3% del Pil nel 2015, per poi scendere al 130,7% nel 2016, si legge anche nella stessa nota, nella quale si sottolinea anche che il debito continuerà a calare negli anni successivi, al 129,5% nel 2017 e al 128,1% nel 2018. E infine, "L'obiettivo del governo di ridurre il cuneo fiscale potrebbe contribuire a ristabilire la competitività", considerando però che il Pil reale italiano non tornerà ai livelli precrisi fino all'inizio del 2024.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali