FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Nel 2014 mercato delle auto in ripresa dopo sei anni di crisi

Nel 2014 mercato delle auto in ripresa dopo sei anni di crisi

Nonostante l’anno appena concluso abbia riportato un +4,21 sul 2013, le immatricolazioni rimangono in calo del 2,35% rispetto al 2012 e del 45,5% rispetto al 2007

- Dopo sei anni di crisi il mercato delle auto ha finalmente invertito la rotta. Per il 2014 infatti segna una crescita nelle immatricolazioni e nelle vendite mettendo fine ad un trend che, tra il 2007 ed il 2013, aveva fatto crollare il mercato del 48%.

Nel 2014 mercato delle auto in ripresa dopo sei anni di crisi

La terza crisi degli ultimi 35 anni (dopo quella del 1983 e quella del 1993 quando il mercato subì battute d’arresto rispettivamente del 21,6% e del 28,8%) sembra quindi ormai alle porte ma per il mercato italiano sarà comunque dura risalire la china e recuperare le perdite.

Nel corso del 2014 sono state immatricolate 1.359.616 vetture, il 4,21% in più rispetto al 2013, ma anche il 45,5% in meno rispetto al 2007. Non solo, il mercato italiano è sì cresciuto rispetto allo scorso anno, ma è ancora in calo rispetto al 2012. Per la precisione del 2,9%. Soffermandosi sul mese di dicembre si nota comunque come la crescita abbia subito un rallentamento rispetto al mese precedente, passando dal +4,95 al +2,35%.

Per il 2015 i centri studi concordano su un’ulteriore crescita delle immatricolazioni. Per l’anno in corso si prevedono infatti un milione e 430 mila immatricolazioni, per una crescita del 5,18%.

Il giro d’affari, secondo l’analisi del centro studi Fleet&Mobility è salito del 4,4% nel corso dell’anno, recuperando così circa un miliardo di euro e portando il totale del 2014 a 24,7 miliardi di euro. La voce che ha riportato l’incremento più elevato è quella del noleggio, che con un +13,5% è arrivata a toccare i 5 miliardi di euro (il 20% circa del mercato totale), contribuendo alla crescita annua con 600 milioni. Altri cinque miliardi di euro arrivano dalle società (+3,3% e 160 milioni in più rispetto al 2013) mentre i rimanenti 14,7 miliardi dai privati (+2%, quindi 300 milioni in più rispetto all’anno precedente).

Stando ai dati dell’Unrae si può osservare che, mentre quasi tutti i tipi di alimentazione hanno riportato numeri in crescita (diesel del 6,8%, gpl del 7,3%, metano del 6,3%, ibride de 41% ed elettriche del 26%) la benzina ha perso due punti percentuali tra 2013 e 2014 passando da oltre 401 mila immatricolazioni a poco più di 394 mila.

Con quasi 572 mila mila vetture immatricolate il segmento delle utilitarie (B) risulta il più virtuoso, portando a casa un +6,5% tra gennaio e dicembre 2014 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A seguire troviamo le auto considerate “medie” (segmento C) con 354 mila immatricolazioni (+6,7%), poi le “piccole” (segmento A) con 252 mila (+0,7%), le “medie superiori” (D) con 160 mila (-0,5%), le “superiori” con 27 mila (-1,1%) e per finire le “top di gamma” Con quattromila immatricolazioni (+59,7%).

La ripartizione geografica mostra come l’incremento maggiore si sia registrato nell’Italia Nord orientale con una crescita del 9,6% rispetto all’anno precedente, seguono il Meridione con un +3,7%, il Centro con un +2,7%, l’Italia Nord occidentale con un +2% e le Isole con una crescita delle immatricolazioni di appena 0,1 punti percentuali.

Con oltre 104 mila immatricolazioni la Fiat Panda è ancora una volta l’auto più venduta d’Italia, seguita da Punto e 500L. Un podio tutto italiano che conferma il marchio di Torino il primo del nostro Paese per immatricolazioni: 378.183 nel corso del 2014 (+1% rispetto al 2013). Con un +28,81% è però la Renault la casa che ha registrato l’incremento più marcato.

TAG:
Mercato auto
Immatricolazioni