FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Legge di Stabilità, il canone Rai 2016 si pagherà in bolletta in unʼunica rata

Sarà addebitato sulla prima fattura elettrica. Lʼultima bozza modifica la precedente ipotesi di pagamento suddivisa in sei rate da 16,66 euro

Legge di Stabilità, il canone Rai 2016 si pagherà in bolletta in un'unica rata

Nel 2016 il canone Rai verrà addebitato nella prima fattura relativa alla fornitura di energia elettrica successiva alla data di scadenza del pagamento. Lo si legge nell'ultima bozza della legge di Stabilità, che va a modificare la precedente ipotesi di pagamento in sei rate da 16,66 euro.

Il testo aggiornato della manovra prevede anche che l'eventuale surplus derivante dalle entrate del canone Rai verrà versato nel fondo per il calo delle imposte.

Chi dovrà pagare - Il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, ha precisato che dovranno pagare il canone solo le famiglie che hanno in casa almeno un televisore o una radio. Esclusi invece gli italiani che possiedono solo altri device come pc, tablet e smartphone. All'interno della bolletta elettrica, l'importo del nuovo canone Rai verrà indicato con una voce distinta e separata.

Commissario alle Regioni che non riassorbiranno personale Province - Le Regioni che, entro gennaio 2016, non avranno adempiuto all'obbligo di riordino delle funzioni in base alla riforma Delrio, saranno commissariate secondo quanto dice l'ultima bozza della Legge di stabilità. Il provvedimento sarà preso per fare in modo che entro la fine di giugno il personale in esubero delle Province venga riassorbito all'interno delle Regioni stesse.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali