FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Istat, l'Italia cresce: nel 2015 Pil +0,7% Ma la disoccupazione resiste

Istat, l'Italia cresce: nel 2015 Pil +0,7% Ma la disoccupazione resiste

L'Istituto di statistica stima una crescita dell'1,2% nel 2016, quando inzierà a salire anche il numero degli occupati

- Nel 2015 il prodotto interno lordo italiano aumenterà dello 0,7%. Lo prevede l'Istat stimando poi una crescita dell'1,2% nel 2016 e dell'1,3% nel 2017. Nel 2015 si registrerà anche "una moderata riduzione" del tasso di disoccupazione che scenderà al 12,5% (dal 12,7% del 2014), per passare poi al 12% nel 2016. L'Istat prevede che l'occupazione aumenterà invece in termini di unità di lavoro dello 0,6% quest'anno e dello 0,9% l'anno prossimo.

Istat, l'Italia cresce: nel 2015 Pil +0,7%
Ma la disoccupazione resiste

Nel documento "Prospettive per l'economia italiana nel 2015-2017", l'Istat specifica che la domanda interna al netto delle scorte contribuirà positivamente alla crescita del Pil per 0,3 punti percentuali, quella estera netta per 0,4 punti percentuali. Nel biennio successivo il rafforzamento ciclico determinerà un apporto crescente della domanda interna (+0,8 e +1,1 punti percentuali) mentre il conseguente aumento delle importazioni favorirà una diminuzione del contributo della domanda estera netta nel 2017.

Ok gli investimenti - Torneranno a crescere nell'anno in corso anche gli investimenti (+1,2%), stimolati dal miglioramento delle condizioni di accesso al credito e delle aspettative associate a una ripresa della dinamica produttiva. Il processo di accumulazione del capitale è previsto riprendere a ritmi sostenuti nel 2016 (+2,5%) e con maggior intensità nel 2017 (+2,8%).

Si consolida la ripresa dei consumi - Buone notizie dall'Istat anche riguardo i consumi. "La spesa privata per consumi è attesa consolidarsi nel triennio" 2015-2017. In particolare, nel 2015 i consumi privati registreranno una crescita pari allo 0,5% (dopo il +0,3% del 2014), "favorita da un'evoluzione positiva del reddito disponibile e dal graduale incremento dell'occupazione". Nel biennio successivo "l'aumento dei redditi da lavoro dipendente, associato a una ripresa dell'occupazione, continuerà a sostenere i consumi privati che aumenteranno dello 0,7% nel 2016 e dello 0,9% nel 2017".

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Istat
Pil istat
Pil istat 2015