FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: il Nord ricco il doppio del Sud Pil abitante 32mila euro contro 17mila

In crescita il divario tra le due Italia. Anche i consumi si riducono nel Mezzogiorno, mentre ripartono nelle aree settentrionali

Istat: il Nord ricco il doppio del Sud Pil abitante 32mila euro contro 17mila

Il Pil per abitante nel 2014 è di 32.500 euro nel Nord-ovest, mentre nel Mezzogiorno è inferiore del 43,7% e pari a 17.600 euro. Lo rileva l'Istat sottolineando che il divario si amplia rispetto al 43,2% del 2013. Nel Nord-est il Pil pro capite si attesta a 31.400 euro, mentre nel Centro a 29.400 euro.

Nel 2014 al Sud va segnalato il calo più marcato del Prodotto interno lordo (-1,1% a fronte di una media nazionale pari a -0,4%), mentre continua la flessione degli occupati (-0,9%). Al Centro-nord gli occupati aumentano invece dello 0,4% secondo l'Istat. Anche i consumi si riducono solo al Sud, dove perdono lo 0,5%, mentre al Centro e al Nord-ovest crescono dello 0,8% e dello 0,6% al Nord-est.

Meno immigrati nel nostro Paese - L'Italia ha perso attrattività per gli immigrati e infatti gli arrivi dei migranti negli ultimi cinque anni nel nostro Paese si sono ridotti del 38%, passando dai 448mila del 2010 ai 278mila del 2014. In calo anche gli ingressi, 30mila in meno rispetto al 2013 (-9,7%) e ben 249mila in meno rispetto al 2007 (-47,3%), l'anno che precede l'inizio della lunga fase di recessione. Tra i flussi in entrata nel 2014 i più numerosi sono i romeni (51mila ingressi), seguiti dai marocchini (18mila), cinesi (16mila) e bengalesi (13mila).

In cinque anni raddoppiano gli italiani emigrti - In cinque anni il numero di italiani emigrati è più che raddoppiato. I nostri connazionali che hanno deciso di trasferirsi in un Paese estero sono aumentati dell'8,2% nel 2014 rispetto al 2013 e più che raddoppiati rispetto a cinque anni prima. Le principali mete di destinazione per gli italiani che hanno lasciato il Paese nel 2014 sono la Germania,il Regno Unito, la Svizzera e la Francia. Sono stato 45mila i giovani con almeno 25 anni che hanno deciso di emigrare, ben 12mila in possesso di laurea. Il Regno Unito è la meta preferita per i laureati (oltre 3 mila), subito dopo viene la Germania, meta di 2.400 laureati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali