FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crisi Alitalia, il ministro Calenda: dallo Stato un prestito ponte di 300-400 mln

"Sono deluso e preoccupato", ha affermato il premier Gentiloni aggiungendo: "Non ci sono le condizioni per la nazionalizzazione". Nuovo vertice a Palazzo Chigi

"Il nuovo commissario deve assicurare la continuità dell'azienda e trovare un acquirente per Alitalia che sappia gestirla". Lo ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico, precisando che per la continuità "l'unica cosa sarà avere un prestito ponte dallo Stato, intorno ai 300, 400 milioni". Alla domanda su Lufthansa che sembra molto interessata a comprare Alitalia, Calenda ha detto: "Lo spero". Intanto nuovo vertice a Palazzo Chigi.

"Il management operativo ha sbagliato moltissimo, anche con una certa dose di arroganza ma questo non vuol dire che ci sia la possibilità di tornare ad un management pubblico che non mi pare abbia fatto meglio nel corso degli anni", ha proseguito Calenda.

"Non è mai colpa dei dipendenti. La dimensione in termini di costi di Alitalia rispetto a volumi che genera è una dimensione insostenibile, quindi la razionalità di fare un piano che preveda anche in maniera molto attenta una riduzione dei costi fissi è inevitabile", ha evidenziato il ministro dell'Sviluppo economico spiegando che "non possiamo inseguire il modello di business di Ryanair".

Gentiloni: "Sono deluso e preoccupato" - "Non posso tacere la preoccupazione per quello che sta accadendo ad Alitalia". Così il premier Paolo Gentiloni sul caso. "Bisognerebbe - ha aggiunto - essere in grado di stare sul mercato per competere. Da parte mia c'è stata delusione per il fatto che l'opportunità dell'accordo tra aziende e sindacati non sia stata colta".

"Non ci sono le condizioni per la nazionalizzazione" - Sulla questione Alitalia bisogna dire la verità, l'ho già detta prima, lo dico anche adesso: non ci sono le condizioni per una nazionalizzazione di Alitalia", ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine della visita effettuata al pastificio Rummo di Benevento. "Tuttavia il governo si sente impegnato a difendere lavoratori, utenti, contribuenti e cittadini per non disperdere risorse e asset della compagnia". "Ci lavoreremo sapendo tuttavia che l'esito del referendum rende più difficile la sfida".

Renzi critica la chiusura del governo alla nazionalizzazione  - Per l'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, Alitalia non può fallire: ci sono in gioco 12mila lavoratori, vanno valutate tutte le possibilità, compresa la nazionalizzazione. Per questo ha attaccato i ministri Calenda e Poletti che invece sono contrar. In particolare per il ministro della Sviluppo economico sono solo due le possibilità: "La vendita o la liquidazione".

Alitalia, i numeri della compagnia nel 2016

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali