FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Confindustria, Boccia: "Paese senza slancio, basta sfiducia" | Conte accoglie lʼinvito: "Vogliamo unʼItalia protagonista"

Il presidente allʼassemblea annuale: "Occorre smettere di dividersi su promesse che non si possono mantenere e concentrarci tutti sulle cose da fare". Il premier: "Siamo convinti che rilanceremo lo Stivale"

"Il Paese non riparte con lo slancio dovuto, necessario, che è alla nostra portata, che ci meritiamo". Lo afferma il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, all'assemblea annuale. "Per rimetterci a correre - dice - sarà utile liberarci dal peso di parole che inducono alla sfiducia, che evocano negatività". "Le parole di chi governa non sono mai neutre, influenzano investitori, imprenditori, famiglie", aggiunge.

"Si prospetta una Manovra da almeno 32 miliardi e le scelte non saranno né semplici né indolori", ricorda al governo Boccia. "Se l'Italia volesse rispettare alla lettera le regole europee previste dal patto di stabilità e crescita dovrebbe fare una manovra strutturale per il 2020 da almeno 32 miliardi di euro: una manovra imponente con effetti recessivi". "Dobbiamo dirci con franchezza che non ci sono scelte semplici o indolori con la prossima legge di bilancio".

Va detto "con franchezza", afferma ancora il leader di Confindustria, che con la prossima legge di bilancio "non ci sono scelte semplici o indolori". Servono pertanto "responsabilità e ragionevolezza", soprattutto è "cruciale" individuare "un mix di interventi che riduca deficit e debito, rassicurando i mercati finanziari senza compromettere la crescita".

"Occorre smettere di dividersi su promesse che non si possono mantenere e concentrarci tutti sulle cose da fare, che sono tante e impegnative", ribadisce Boccia che chiede alla politica di avere "visione e coraggio" e di "riappropriarsi del suo primato, restituire sogno e visione, darsi grandi obiettivi e risorse per raggiungerli, valutando gli effetti delle decisioni e correggendo la rotta se necessario". Questo "senza stancarsi di ricercare le soluzioni migliori perché è di queste che i cittadini hanno bisogno".

Appello al premier Conte: più Europa, ma migliore - "Signor presidente del consiglio, ci renda protagonisti da italiani della più grande stagione riformista europea. Il nostro Paese viene descritto come guidato da euroscettici o antieuropei. Chieda più Europa, ma migliore". E' questo l'appello rivolto al premier Giuseppe Conte dal presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. "Chieda un'Europa più forte in politica estera - dice dal palco dell'assemblea annuale - più coraggiosa in politica economica, più solidale nelle politiche migratorie. Chieda un'Europa più unità".

Conte risponde: "Siamo europeisti ma non acritici" - L'appello del capo degli industriali è stato accolto dal premier Giuseppe Conte, anche lui presente all'assemblea. "Presidente Boccia raccolgo il suo invito, non mi è sfuggito, affinché l'Italia sia più protagonista sullo scenario europeo che sta cambiando e che si profila una sfida innovatrice", ha affermato il presidente del Consiglio nel suo intervento. "Noi siamo europeisti, siamo consapevoli di vivere in sistema integrato ma non acritico né superficiale", ha poi osservato.

"Convinti che rilanceremo l'economia del Paese" - "Nel nostro Def abbiamo stimato una crescita prudenziale dello 0,2% ma siamo ferocemente determinati a superare questo livello", ha proseguito Conte. "Siamo fiduciosi che i provvedimenti consentiranno alla nostra economia di poter crescere è siamo convinti che possiamo farcela", ha evidenziato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali