FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Aumentare la concorrenza: l'impatto economico delle liberalizzazioni

Aumentare la concorrenza: l'impatto economico delle liberalizzazioni

Secondo uno studio dell'Istituto Bruno Leoni, il nostro Paese è tra i meno liberalizzati in Europa

- L'Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economico ha consigliato all'Italia di aumentare la concorrenza attraverso le liberalizzazioni nelle industrie di rete, nei servizi locali, nelle professioni regolamentate e nella vendita al dettaglio. A trarne beneficio sarebbe l'economia nel suo insieme, spiegano da Parigi.

Aumentare la concorrenza: l'impatto economico delle liberalizzazioni

Una maggiore liberalizzazione nelle industrie di rete, nei servizi locali, nelle professioni regolamentate e nella vendita al dettaglio darebbe un importante impulso al Prodotto interno lordo italiano. Quest'ultimo, sostiene l'OCSE, aumenterebbe di 2,6 punti percentuali nell'arco di cinque anni.

Del resto non è la prima volta che il nostro Paese viene (esplicitamente) invitato ad agire, liberalizzando laddove possibile. L'ultima volta fu il Fondo monetario internazionale, sostenendo che le liberalizzazioni garantirebbero al PIL italiano una crescita aggiuntiva di oltre 4 punti percentuali nell'arco di un quinquennio.

Pareri favorevoli non mancano neanche all'interno del nostro Paese: una piena liberalizzazione del settore dei servizi, stando ad uno studio della Banca d'Italia, consentirebbe una crescita (nel lungo periodo) dell'11% del PIL. Ad aumentare dell'8% sarebbero anche il consumo privato e l'occupazione mentre gli investimenti e i salari reali crescerebbero rispettivamente del 18 e del 12%.

Liberalizzare uno specifico settore – quello delle telecomunicazioni, ad esempio – ne aumenta la concorrenza al suo interno, sostengono alcuni analisti. Si verificherebbe così un abbassamento dei prezzi (offrire prodotti o servizi più convenienti permette alle aziende di ritagliarsi una quota di mercato) e un incremento degli investimenti, stimolando inoltre l'innovazione: offrire un prodotto o un servizio efficiente e innovativo diviene una priorità per le imprese.

Secondo l'indice elaborato annualmente dall'Istituto Bruno Leoni, che misura il grado di apertura di dieci settori dell'economia in 15 Stati membri dell'Unione europea su una scala che va da 0 (monopolio) a 100 (piena concorrenza), il nostro è uno dei Paesi meno liberalizzati in Europa. Dove il livello medio di liberalizzazione è pari al 72%.

L'indice tiene conto di quattro parametri: la libertà d'ingresso nel mercato, la partecipazione azionaria dello Stato, i vincoli normativi e la facilità per il consumatore di cambiare fornitore. Ebbene, secondo il report dell'Istituto Bruno Leoni, l'Italia occupa l'undicesimo posto in classifica con un punteggio pari al 66%. Molto distante dal Regno Unito (94%).

Il settore maggiormente liberalizzato nel nostro Paese, spiega chi ha condotto lo studio, è quello delle telecomunicazioni (87%), seguito dal settore elettrico (81%), da quello televisivo (75%) e del lavoro (72%). Mentre le assicurazioni (60%), i servizi postali (59%) e il trasporto ferroviario (48%) ottengono risultati meno “brillanti”.

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Liberalizzazione
OCSE
Banca d'Italia
Fondo monetario internazionale