FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Economia
11.7.2012

Visco: "Livello spread ingiustificato, pesa il timore per il futuro dell'area euro"

Il differenziale fra il Btp e il Bund, per il governatore di Bankitalia, è "di gran lunga superiore a quanto giustificato dai fondamentali della nostra economia"

12:16 - "L'economia italiana è ancora in recessione", pesano "l'aumento del costo e il deterioramento della disponibilità di credito per la crisi del debito sovrano". Lo ha detto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco. Lo spread è "di gran lunga superiore a quanto giustificato dai fondamentali della nostra economia", ha aggiunto.
L'andamento dello spread per Visco "riflette generali timori di rottura dell'unione monetaria: un'ipotesi remota, che sta però condizionando le scelte degli investitori internazionali".

Per il numero uno di palazzo Koch "le decisioni prese dal vertice dei capi di Stato e di governo dell'area dell'euro e dal Consiglio europeo del 28 e 29 giugno, precisate nella riunione dell'Eurogruppo di lunedì, hanno ribadito la volontà di preservare la moneta unica e di spezzare il circolo vizioso tra la crisi dei debiti sovrani e le condizioni delle banche".

"Banche sostengano le imprese solide"
Per Visco, le banche "sono chiamate a decisioni difficili: non far mancare finanza alle imprese solide, evitare di prolungare il sostegno a quelle senza prospettive". Il governatore della Banca d'Italia sottolinea quindi che "anche dall'esito di queste scelte dipendono i tempi e l'intensità della ripresa della crescita".

"Mai come oggi le banche sono chiamate a fare bene il loro mestiere" ha aggiunto Visco secondo cui "banche attente alla prospettiva di crescita delle imprese, imprese a loro volta dotate di maggior capitale e più pronte ad accedere direttamente al mercato dei capitali, sono precondizioni perché il superamento di questa crisi veda l'economia italiana avviarsi a un rilancio duraturo".

"Stop prestiti basati su relazioni o legami"
"Le politiche di affidamento devono essere basate sulla solidità dei progetti imprenditoriali, non su relazioni e legami che ne prescindano" ha detto quindi Visco, secondo il quale, determinate scelte con la crisi "non sono oggi più sostenibili".
OkNotizie
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile