FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Apple e Facebook: risultati senza precedenti

Mentre la casa di Cupertino batte tutti i record per i profitti, il social network batte le attese per il settimo trimestre consecutivo

- Apple ha messo a segno il miglior trimestre di sempre, Facebook ha superato le attese per il settimo mese consecutivo. Microsoft perde il 10% dell’utile netto, Samsung soffre Cupertino e registra il primo calo dell’utile dal 2011. Twitter riscontra invece un rallentamento della crescita degli utenti. E Google? Rallenta la crescita quel tanto che basta per preoccupare gli analisti. In tutto ciò Amazon ringrazia Prime. Sono queste le principali dinamiche dei colossi del mercato dell’elettronica e dell’informatica.

Apple e Facebook: risultati senza precedenti

I numeri presentati da Cupertino sono strabilianti. Il primo trimestre dell’anno fiscale 2015 ha mostrato profitti in crescita a 18 miliardi di dollari (contro i 13,1 dello stesso periodo dello scorso anno), battendo il colosso del gas russo Gazprom che fino ad oggi, con 16,04 miliardi, deteneva il record mondiale. I ricavi sono invece rimbalzati a 74,6 miliardi di dollari, mentre lo scorso anno si fermarono a 57,6. La spinta vera e propria è arrivata dal mercato cinese dove l’Apple ha venduto il 36% di tutti gli iPhone messi sul mercato, contro il 24% immesso su quello statunitense. In totale, e solo nel primo trimestre fiscale, la casa della mela ha venduto 74,5 milioni di smartphone. Gli iPad venduti sono stati 21,4 milioni, mentre gli iMac 5,5 milioni. Una serie di risultati che ha consentito al titolo di Apple di rimbalzare di circa il 6%, superando i 115 dollari per azione.

Le vendite hanno consentito ad Apple di raggiungere e condividere con Samsung la vetta della classifica dei più grandi produttori di smartphone al mondo. La casa coreana ha infatti perso verve passando dagli 86 milioni di dispositivi venduti lo scorso anno ai 74,5 milioni odierni. Nel corso dell’anno appena chiuso la Samsung Elettronics ha registrato un calo del 26,8% dell’utile netto, a 18,9 miliardi di dollari (come già detto si tratta del primo calo dal 2011). Al termine del quarto trimestre i dati hanno mostrato un calo del 27% dell’utile netto, a 4,3 miliardi di dollari, i ricavi sono invece scesi dell’11% a 42 miliardi di euro facendo perdere, sul listino di Seoul, al titolo l’1,31%.

Veniamo ora a Microsoft. Il gigante di Redmond nell’ultimo trimestre, fresco dell’annuncio di Windows 10 e degli Hololens, ha riportato un calo del 10% dell’utile netto, a 5,86 miliardi di dollari, e una crescita dell’8% dei ricavi, a 26,4 miliardi di dollari. Le notizie migliori arrivano dalla divisione dispositivi e consumatori, per la quale i profitti sono saliti dell’8% arrivando a 12,9 miliardi di dollari. Solo i ricavi di Surface (la serie di ultra) sono cresciuti del 24% a 1,1 miliardi di euro. Per quanto, ad oggi, i ricavi generati dal cloud rappresentano solo il 5% dei ricavi totali, la crescita nell’ultimo trimestre è stata del 114%, tanto da far pensare che, un domani, il cloud possa diventare il fulcro economico dell’azienda.

Qualcosa come 1,39 miliardi di utenti attivi, di cui 1,29 miliardi accedono da dispositivi mobile, senza contare i 700 milioni di gruppi, i 700 milioni utenti di WhatsApp, i 500 milioni di Messenger e i 300 milioni di Instagram. Sono solo alcuni dei numeri incredibili del social network di Mark Zuckerberg. Facebook, grazie alla pubblicità su mobile, ha infatti superato le attese per il settimo mese consecutivo: l’utile netto è cresciuto del 34% rispetto al 2013, portandosi a 1,5 miliardi di dollari, mentre i ricavi sono lievitati del 49%, a 3,85 miliardi di dollari. Solo l’advertising (appunto la pubblicità) ha fruttato al colosso il 69% dei ricavi totali. Da notare, però , come siano lievitate anche le spese. Il raddoppio degli investimenti in ricerca e sviluppo ha fatto aumentare le uscite dell’87% portandole a 2,72 miliardi di dollari.

Diversa la situazione in casa Twitter per il quale, gli ultimi dati, indicano un rallentamento nella crescita degli utenti attivi ma un forte aumento delle entrate da pubblicità da mobile. Mentre gli utenti sono cresciuti del 23%, rallentando rispetto al 24% dello stesso periodo dello scorso anno, il fatturato pubblicitario da dispositivi mobili è cresciuto del 70% nell’arco dei dodici mesi, andando a rappresentare l’85% dell’intero fatturato da pubblicità.

Nonostante una crescita del giro d’affari del 15%, a 18,1 miliardi di dollari, Google ha deluso le attese tanto da far giudicare i dati come “preoccupanti” dagli analisti. Le previsioni indicavano infatti un +20% e la frenata ha fatto scendere il titolo del 3% nel after hour. Gli utili sono invece saliti del 40% a 4,76 miliardi di dollari (di conseguenza gli utili per azione si sono attestati a 6,88 dollari). Le uscite sono state il 37% delle entrate (6,78 miliardi di dollari) e in particolare gli investimenti in ricerca e sviluppo sono cresciuti del 46%, toccando i 2,81 miliardi di dollari.

Amazon ha invece battuto le attese presentando un calo degli utili più lieve del previsto (a 214 milioni di dollari) e una crescita del 15% dei ricavi (a 29,3 miliardi di dollari). Il merito è di Prime, (il servizio in abbonamento del gigante dell’e-commerce che, con un costo di 9,90 all’anno, permette di azzerare i costi per le spedizioni 2-3 giorni) che ha visto crescere il numero degli utenti del 53%.

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X