FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Barroso: "L'Italia mantenga le promesse e finisca le riforme"

Barroso: "L'Italia mantenga le promesse e finisca le riforme"

La Commissione Ue avvia un'indagine sul nostro Paese per approfondire i rischi a proposito dell'enorme debito e la disoccupazione. Nel mirino dell'Ue anche la Germania e il suo enorme surplus

- L'Italia deve "completare le riforme promesse dal governo". Lo ha detto il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso secondo il quale l'instabilità politica "non ha però esposto a rischi i progressi raggiunti". La Commissione ha quindi deciso di aprire "un'analisi approfondita" a proposito dei rischi connessi al persistere di squilibri macroeconomici come il debito elevato, la disoccupazione, la perdita di quote di mercato.

Ma oltre al bastone c'è la carota, secondo Barroso infatti "in Italia si cominciano ad intravedere i primi segnali di ripresa ma si tratta di una ripresa molto fragile per questo non si deve mettere a rischio il percorso delle riforme". I dati macroeconomici non sono però confortanti: "povertà ed esclusione sociale in Italia sono aumentate in modo significativo", dice la Commissione di Bruxelles nel suo rapporto sugli squilibri nel Vecchio Continente.

L'enorme debito italiano è un problema - "Il debito molto elevato resta una vulnerabilità significativa dell'Italia, in particolare vista la prospettiva debole di crescita", scrive la Commissione spiegando che mantenere un surplus primario elevato è importantissimo per mettere il debito su un terreno di discesa. La perdita di quote di mercato "resta significativamente sopra la soglia di guardia", e la performance dell'export "compete in modo sfavorevole rispetto a quelle delle economie avanzate". La disoccupazione, sebbene non abbia raggiunto la soglia di guardia, è aumentata e quella giovanile "è molto alta".

Troppo alte le tasse sul lavoro - Per la Commissione Ue, inoltre, "nonostante le misure già prese e quelle annunciate nel 2014", in Italia "resta alta la tassazione sul lavoro e il capitale", cioè il cosiddetto cuneo fiscale.

Surplus di bilancio, la Germania nel mirino - Ma anche a Berlino arriva qualche schiaffo visto che la Commissione Ue ha deciso di avviare una "analisi approfondita sull'elevata eccedenza di bilancio" della Germania. Secondo Barroso l'indagine è finalizzata a capire se Berlino "può fare di più per contribuire al riequilibrio dell'economia europea". La Germania, ha poi aggiunto il presidente della Commissione, "dovrebbe aprire il settore de servizi" alla concorrenza. "Sarebbe equo e un bene" sia per i tedeschi che per l'economia europea". Barroso e Rehn hanno comunque tenuto a sottolineare che Berlino è uno dei principali "motori dell'economia europea e che "non si sta criticando la sua competitività", che dovrebbe essere un esempio per tutti gli altri Paesi.

La Germania rende difficile la ripresa Ue - Ma nel comunicato ufficiale la Commissione usa termini meno diplomatici nei confronti di Berlino. Il surplus commerciale della Germania, si legge, "può mettere pressione sull'apprezzamento dell'euro e rendere difficile il recupero della competitività dei Paesi periferici dell'Eurozona".

TAG:
Josè Manuel Barroso
Commissione ue