FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Alitalia,cala l'utile e Colaninno va via<br>Per Air France l'azienda vale zero

Alitalia,cala l'utile e Colaninno va via
Per Air France l'azienda vale zero

La compagnia di bandiera smentisce voci di un possibile crac, sottolineando che l'aumento di capitale per 300 milioni "è già stato versato per 130 milioni di euro". Ma il gruppo francese porta a zero nel proprio bilancio il valore delle azioni detenute

- In vista della scadenza per l'aumento di capitale di dicembre, il Consiglio d'amministrazione di Alitalia torna a riunirsi, e smentisce voci di un possibile crac spiegando che "l'aumento di capitale in corso per 300 milioni di euro è già stato versato per 130 milioni". Intanto, però, "considerata la situazione d'incertezza" della compagnia di bandiera italiana, Air France-Klm "ha deciso di svalutare totalmente il valore delle azioni detenute".

La decisione, si legge negli allegati finanziari alla presentazione dei conti trimestrali della società franco-olandese, è stata presa dopo il Cda del 14 ottobre che ha approvato l'aumento di capitale da 300 milioni di euro. A fronte di questa decisione, Air France-Klm "ha registrato la sua quota parte nelle perdite di Alitalia e una previsione di minusvalenza, per un montante totale di 202 milioni di euro, nella linea di bilancio 'Quota di profitti/perdite di associati'".

Resta però in piedi l'ipotesi che quella di Air France sia una mossa strategica, e che il gruppo stia prendendo tempo per poi entrare in campo ai tempi supplementari, cioè tra il 16 novembre e il 31 dicembre, quando sarà possibile sottoscrivere il capitale inoptato. Anche se per il quotidiano francese "La Tribune" le possibilità che Air France-Klm partecipi all'aumento di capitale da 300 milioni di Alitalia sono "quasi nulle". "I progetti di Air France-Klm sono di nuovo in contrasto con gli interessi del governo e degli ambienti economici italiani", spiega il sito del quotidiano francese, secondo cui tuttavia il gruppo si terrebbe "pronto al 'colpo di coda'", cioè a intervenire se Alitalia si trovasse di nuovo a corto di liquidità "a febbraio o marzo" del 2014.

Lufthansa: Ue non conceda deroghe a aiuti di Stato - Lufthansa si aspetta che la Commissione europea si attenga alla disciplina sugli aiuti di Stato nel valutare l'aumento di capitale da 300 milioni di Alitalia. "Non ci aspettiamo alcuna deroga", ha detto il direttore finanziario del vettore tedesco Simone Menne. La Commissione europea deve stabilire se Poste italiane, partecipando al salvataggio di Alitalia, agisca come un operatore di mercato. Poste è controllata dal ministero dell'Economia.

Colaninno annuncia l'addio: via dopo l'aumento - "Dopo aver sostenuto la ricapitalizzazione di Alitalia, annuncio che, al termine delle operazioni ad essa relative, quando le mie dimissioni verranno formalizzate insieme a quelle di tutto il Cda, non sarò disponibile ad assumere nuovamente incarichi di vertice nella società". Lo dichiara il presidente Roberto Colaninno.

Utile netto Alitalia cala a 7 milioni - Alitalia ha chiuso il terzo trimestre con un risultato netto di 7 milioni in calo dall'utile di 27 mln dello stesso periodo del 2012. E' quanto risulta dai dati approvati dal cda. Il risultato operativo (ebit) nel trimestre e' stato di 36 mln dai 50 mln del III trimestre 2012, mentre nei 9 mesi e' calato a -162 mln, dai -119 del 2012.

TAG:
Alitalia
Air france