FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Amicizie di letto: ma alle donne piacciono?

Sì, ma con riserva, avverte la psicoterapeuta di coppia. Si può fare l’amore e rimanere amici solo se è lei a sceglierlo

In America li chiamano “friends benefit”, amici di letto, ovvero quelle amicizie condite da rapporti sessuali, che possono avere cadenza regolare o meno, poco importa. Agli uomini la situazione piace molto, ma alle donne? Abbiamo rivolto il quesito alla psicoterapeuta della coppia Maria Malucelli. Cambiamenti sociali ed evoluzione di costume a parte, pare che il fattore fondamentale che determina l'accettazione di una storia senza impegno è l'età.

Amicizie di letto: ma alle donne piacciono?

Fino ai 25 anni molte ragazze vivono il sesso come un momento esplorativo, un modo per conoscere se stesse, il proprio corpo e quello degli altri, senza che sia necessariamente legato a sentimenti profondi come l'amore. In questi casi avere come partner sessuale un amico di cui fidarsi non è un problema, anzi aumenta l'intesa e quindi la capacità di lasciarsi andare” – spiega l'esperta.

Dopo i 30 anni, invece, una donna non solo conosce bene il suo corpo, ma ha le idee chiare su cosa desidera da un rapporto con un uomo, sia dal punto di vista fisico che relazionale. Ecco che il sesso perde la caratteristica "esplorativa", per arricchirsi di quella affettiva. Insomma, non si fa più l'amore soprattutto per divertirsi e nemmeno per provare emozioni profonde. Però può subentrare la voglia di scambio di tenerezze e coccole con una persona vicina: “fin qui niente di male, ma nel lungo periodo può nascondere un bisogno di colmare un vuoto di solitudine” – avverte la psicoterapeuta.

Ecco che diventa importante da parte di una donna saper “gestire” la relazione di amicizia sessuale. Se lei riesce a viverla senza crearsi aspettative di coppia “vera”, questo tipo di rapporto può servire ad arricchire l'esistenza di calore. In questo caso, si entra in una sorta di relazione "a metà", fatta di complicità sessuale ed emotiva ma priva di passione. Ad alcune donne l'amico sessuale può fare comodo perché inconsapevolmente serve da alibi per non mettersi in gioco più seriamente in un rapporto profondo, unico, fatto di scelte esclusive.

Altre donne ancora invece possono prendere l'amicizia sessuale come un modo per non perdere l'allenamento all'affettività, in attesa di trovare l'uomo con cui condividere un rapporto più impegnativo, fatto di progetti. Sono quelle che di solito lasciano l'amico di letto quando fanno un nuovo incontro oppure quando stanno per innamorarsene, ma conoscono benissimo le intenzioni del loro partner.

Diverso è il caso in cui le donne “subiscono” la scelta di infilarsi in un'amicizia condita da sesso, perché magari sperano che round dopo round, il letto si trasformi in un luogo che faccia scoccare la scintilla d'amore. Il rischio della delusione (con annessa sofferenza) è molto alto. E l'unico suggerimento sarebbe quello di evitare di invischiarsi in relazioni del genere se non ci si sente in grado di affrontarle. Crudele, ma è così.