Le confessioni di Adrian Tomine nel suo "La solitudine del fumettista errante"