FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

The Vegetarian Chance 2019

Azioni virtuose e scelte alimentari corrette per non continuare a danneggiare il Pianeta: la kermesse torinese, porrà lʼattenzione sul cibo del futuro.

Festival Internazionale di Cultura e Cucina Vegetariana  

È pronto a inaugurare la sua sesta edizione il Festival Internazionale di Cultura e Cucina Vegetariana che avrà luogo a Torino dall’11 al 13 ottobre (presso EDIT) e che è nato da un’idea dello chef stellato Pietro Leemann e del giornalista Gabriele Eschenazi per porre l’attenzione sulla nostra alimentazione e l’impatto che essa ha sul clima al pari dell’abuso della plastica.

Pensare oggi alla cucina vegetariana significa automaticamente tirare in ballo il nome di Leemann, che quest’anno festeggia i trent’anni del suo Joia, il ristorante aperto a Milano nel 1989, dopo un lungo viaggio in Oriente. Joya è il primo ristorante vegetariano al mondo ad aver conquistato la stella Michelin, (arrivata nel 1996) e ancora oggi l’unico del suo genere a sfoggiare il prestigioso riconoscimento nel nostro Paese.


“Cibo del futuro”: il magico mantra che viene ripetuto in tutti i congressi dedicati al cibo rimanda a una vaga volontà di ripensare al modo di nutrirci, ma poi tutto viene rinviato a un’epoca che deve ancora venire. Ma il Domani del cibo è oggi, ed è questo il tema scelto provocatoriamente per questa nuova edizione del festival. 
È oggi che dobbiamo cambiare il nostro modo di nutrirci.

 

Lo dice lo scrittore americano Safran Foer nel suo ultimo libro Possiamo salvare il mondo prima di cena. Ma cosa possiamo mangiare? Come godere del cibo, del suo gusto e della sua funzione sociale? A The Vegetarian Chance il pubblico troverà suggerimenti e motivi per riflettere sull’“opportunità” vegetariana come una scelta utile a migliorare la nostra esistenza senza rinunciare al gusto e alla cultura gastronomica.

 


Si comincia con una giornata dedicata all’informazione aperta da un messaggio video di Safran Foer ai partecipanti. In scaletta, poi, Torino città veg con autorità e ristoratori a base vegetale della città, e un sondaggio su L’attitudine vegetariana dei giovani. Due ospiti dal Giappone, Yoshiko Hondo e Monika Kimiko, introdurranno la prima edizione di The Vegetarian Chance Japan prevista per giugno 2020. Convincere gli chef stellati a essere più veg è l’obiettivo della Carta di Pietro Leemann, che sarà presentata con il progetto sportivo The Vegetarian Tour e un filmato. Chiuderà la sessione Safran Foer in una videointervista di Gabriele Eschenazi.

 


Molti gli appuntamenti gastronomici di quest’anno – che si avvalgono delle strutture di EDIT, un luogo pensato e progettato per promuovere il buon cibo. Il tradizionale cappuccino con brioche può essere rivisitato e reso più salutare: lo racconta Jenny Sugar, health&food coach, in Colazione su Vega, sabato 12 alle 11.00. Sempre sabato, alle 13.15, la Joia Academy, con Pietro Leemann e Sauro Ricci, presenta Love: riflessione gastronomica sull’amore carnale, terreno e spirituale. Luca Andrè di Soul Kitchen racconterà invece Idee torinesi per una nuova cucina vegetale. A chi del gusto del caffè non ha un’idea precisa o ne vuole sapere di più è dedicato il laboratorio Caffè delle origini alle ore 15.00. 

 


In serata, alle 19.45, appuntamento con un evento d’eccezione: una cena veg gourmet a più mani nel ristorante di EDIT, con Pietro Leemann (Joia), Federico Zanasi (La Nuvola), Andrea Ferrucci (Marcellin), Umberto Chiodi Latini (Vintage), Virginia Cattaneo e Riccardo Festa (EDIT restaurant).


Domenica 13 è la volta del brunch vegetariano con quattro ristoranti veg di Torino coordinati da Jenny Sugar: L'Orto già Salsamentario, Mezzaluna, Sale in Zucca, Soul Kitchen.


Tra gli incontri a tema della kermesse, quello sull’importanza della biodiversità per il futuro della nostra alimentazione, con gli agricoltori presentati da Oliviero Alotto di Slow Food, quello sul vegetarianismo e spiritualità, che si combinano e integrano per trasmettere valori e consapevolezza, tenuto da Leonardo Caffo (sabato alle 17.00). La chef Nina Curtis descriverà poi lo scenario vegano negli Usa e la sua opera in favore della cucina vegetale, mentre i suoni delle verdure e le emozioni che producono sarà il tema del Conciorto di Biagio Biagini e Antonio Carlone (Banda Osiris).

 

https://thevegetarianchance.org/2019/

 

Di Indira Fassioni 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali