FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Canestrelli

Canestrelli
  • DIFFICOLTA facile
  • PREPARAZIONE 1h
  • PORZIONI 30 canestrelli circa

I canestrelli sono deliziosi biscottini molto diffusi in Liguria e in Piemonte, realizzati con un impasto profumato e friabile a base di burro, farina e tuorli d'uovo sodi. La particolarità di questi golosi biscottini sta, oltre che nella tipica forma a fiorellino forato al centro, proprio nell'impasto realizzato con i tuorli sodi che lo rendono friabile. I canestrelli si sciolgono in bocca e sono perfetti con il tè o il caffè, oltre che come goloso regalo di Natale!

INGREDIENTI

  • farina tipo 00 100  g
  • amido di mais 65  g
  • tuorli d'uovo sodi 2
  • zucchero a velo + q.b. per decorare 50  g
  • qualche goccia di estratto di vaniglia
  • scorza grattugiata di limone un  cucchiaio
  • burro a temperatura ambiente 100  g

PROCEDIMENTO

Rassodate le uova facendole bollire per 8 minuti. Nel frattempo, setacciate zucchero, farina e amido di mais su un piano di lavoro, disponeteli a fontana e aggiungete anche il burro morbido a pezzetti. Sgusciate le uova, ricavate il tuorlo sodo e passatelo al setaccio. Unitele agli altri ingredienti profumando con l'estratto di vaniglia e la scorza di limone.

Amalgamate il tutto fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo, avvolgetelo con la pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per 30 minuti. Stendete la pasta su un piano infarinato nello spessore di circa un cm. Ricavate i canestrelli utilizzando un tagliabiscotti a forma di fiore di circa 4 cm di diametro.

Praticate il foro centrale e posizionate i canestrelli su una leccarda rivestita di carta da forno leggermente distanziati fra loro. Cuocete i canestrelli a 175 gradi per circa 20 minuti, dovranno essere cotti ma non troppo scuri. Sfornateli, lasciateli raffreddare e spolverizzateli con abbondante zucchero a velo.

Lo sapevate che...

Il nome curioso dei canestrelli deriva proprio dal cestino (il canestrello, appunto) in cui venivano fatti raffreddare dopo la cottura.