FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Viterbo, commerciante ucciso con uno sgabello: fermato un 22enne americano

La lite, sfociata poi nellʼomicidio, sarebbe dovuta al tentativo di acquisto con una carta di credito bloccata di alcuni abiti per il valore di circa 600 euro

C'è un fermato per l'omicidio di Norveo Fedeli, il commerciante ucciso venerdì nel suo negozio, nel centro storico di Viterbo. Si tratta di un 22enne statunitense di origini coreane, Pang Michael Aaron, incensurato, in Italia da due mesi e mezzo. Le accuse contro di lui sono omicidio volontario e rapina. La procura ha disposto il fermo anche perché c'era il pericolo di fuga. L'uomo è stato rintracciato in provincia di Viterbo.

A incastrarlo sarebbe stata la telecamera di sorveglianza di un negozio vicino.

L'omicidio scaturito per una lite per l'acquisto di abiti dal valore di 600 euro - Michael Aaron era arrivato in Italia in aereo da un Paese dell'area Schengen. Il 22enne, che sarebbe un grafico pubblicitario e viveva in un bed and breakfast nel vicino comune di Capodimonte, era stato tre volte all'interno del negozio: la prima, il 30 aprile, aveva provato a pagare dei vestiti, del valore di circa 600 euro, con una carta di credito risultata scoperta. La seconda volta, il 2 maggio, è tornato, ma la carta è stata bloccata. Un episodio che potrebbe aver generato discussioni tra il titolare della jeanseria e il giovane, tanto che il commerciante ne aveva anche parlato con i propri familiari, ma senza denunciare il fatto alle forze dell'ordine.

La fuga con una scarpa insanguinata coperta con un sacchetto - L'ultima volta, il 3 maggio, Aaron è tornato nel negozio: il giorno del massacro. In quella occasione, dopo una lite e una breve colluttazione, il commerciante - che ha tentato inutilmente di difendersi - è stato colpito ripetutamente alla testa con uno sgabello. Poco dopo è morto. L'uomo gli ha sottratto il portafogli, si è portato via alcuni vestiti e, dopo essersi cambiato di abiti, è uscito dal negozio con una busta al piede che forse copriva la scarpa insanguinata: particolare che ha insospettito alcuni passanti e che si rivelerà importante per incastrarlo.

Per la sua individuazione, è stato fondamentale il contributo di due carabinieri della stazione di Capodimonte, che il giorno precedente all'omicidio lo avevano visto passeggiare nel vicino Comune di Marta. Dopo la diffusione dei fermo immagine del giovane alle forze dell'ordine per le indagini, i due militari hanno riconosciuto il 22enne, che era stato anche sottoposto ad un regolare controllo alcune settimane prima. Quando è stato fermato, aveva sul volto e sulle mani i segni della colluttazione con la vittima e gli stessi occhiali da sole che aveva con sé il giorno dell'omicidio. Nella sua camera sono stati trovati il portamonete con i soldi e i documenti sottratto alla vittima, alcuni vestiti sporchi di e la carta di credito con cui aveva tentato le transazioni. Una delle sue scarpe era ancora macchiata di sangue.

Salvini: "Chi delinque ha le ore contate" - Immediato, dopo la notizia del fermo, il commento di Matteo Salvini. "Fermato il presunto assassino del commerciante di Viterbo: si tratta di uno straniero residente in un paesino della zona. Grazie a inquirenti e Forze dell'Ordine. Chi delinque, ha le ore contate. È la migliore risposta a chi cerca polemiche: io faccio parlare i fatti", ha detto infatti il ministro dell'Interno.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali