FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spiaggia fascista a Chioggia, rimossi i cartelli dopo lʼordine del prefetto

Nel mirino è finito lo stabilimento balneare "Punta Canna" di Gianni Scarpa. Ma il vicesindaco non è dʼaccordo: "Le forze dellʼordine pensino a faccende più importanti"

Sono stati tolti i cartelli fascisti dallo stabilimento "Punta Canna" di Chioggia, nel Veneziano, dopo l'ordinanza del prefetto, che aveva disposto "l'immediata rimozione di ogni riferimento al fascismo contenuto in manifesti e scritte". Nell'ordinanza si intima inoltre al gestore, Gianni Scarpa, di "astenersi dall'ulteriore diffusione di messaggi contro la democrazia".

La prefettura di Venezia aveva inoltre sottolineato "il pericolo concreto e attuale che la persistenza di tali comportamenti possa provocare esplicite reazioni di riprovazione e sdegno nell'opinione pubblica, così vivamente turbata, con conseguenti manifestazioni avverse e, di riflesso, il rischio di turbative dell'ordine pubblico".

Da "Vietato entrare - camera a gas" alla minaccia di "Manganello sui denti", il proprietario dello stabilimento balneare si era sbizzarrito nello spargere nel luogo cartelli con linguaggio "simil-fascista" tra spiaggia e attrezzature. E il prefetto ha pensato fosse opportuno intervenire.

Il vicesindaco: "Le forze dell'ordine si impegnino in cose più serie" - Farebbe volentieri a meno di questo clamore il vicesindaco di Chioggia, Marco Veronese, che replica alle polemiche sullo stabilimento balneare dicendo: "Perché sprecare le già risibili risorse di uomini della polizia in cose come queste, invece di occuparsi del controllo degli abusivi in spiaggia al quale la polizia locale non riesce a far fronte?".

Veronese, che tra le sue deleghe ha anche quella al Demanio (il caso è quindi di sua competenza), sottolinea che "ci sono cose più serie in cui impegnare le forze dell'ordine. Certo, qualcuno vi ravvede il reato di apologia al fascismo, ma è un questione folkloristica un po' borderline, di cui nessuno tra i turisti, che credo non siano tutti di destra, e i residenti si è mai lamentato. Lo stabilimento, per quello che so, non ha avuto mai problemi di ordine pubblico o altro".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali